lentepubblica

Ore di permesso breve non recuperate: decurtazione ferie per il dipendente pubblico?

Orefice Giuseppe • 15 Dicembre 2021

ore-permesso-breve-decurtazione-ferie-dipendente-pubblicoSe un dipendente pubblico non recupera le ore di permesso breve, fruite ai sensi dell’art.20 del CCNL del 6-7-1995, il relativo debito orario può essere commutato in decurtazione ferie?


A rispondere alla domanda è un parere contenuto negli archivi dell’ARAN, l’orientamento applicativo RAL_1922.

Ecco nello specifico qual è il contenuto espresso da questa particolare pronuncia dell’Agenzia che svolge ogni attività relativa alla negoziazione e definizione dei contratti collettivi del personale dei vari comparti del pubblico impiego, ivi compresa l’interpretazione autentica delle clausole contrattuali e la disciplina delle relazioni sindacali nelle amministrazioni pubbliche.

Ore di permesso breve non recuperate: decurtazione ferie per il dipendente pubblico?

Relativamente alla particolare problematica esposta, si ritiene necessario precisare quanto segue.

Si deve innanzitutto evidenziare che la scrivente Agenzia, nei propri orientamenti applicativi in materia, ha già avuto modo di precisare che le ferie non possono essere fruite ad ore e non sono neppure “rapportabili” ad ore.

Pertanto, la possibilità di decurtare il debito orario derivante dall’utilizzo dei permessi brevi, attraverso l’utilizzo delle ferie a disposizione del personale, si tradurrebbe, sostanzialmente, nel consentire al personale di fruire di periodi di “ferie”, in senso lato, al di fuori della specifica disciplina dettata in materia dall’art.18 del CCNL del 6.7.1995 e, quindi, al di là anche delle esigenze organizzative che questa intende tutelare.

Inoltre, dovendosi stabilire una corrispondenza tra ore da recuperare e giorni di ferie utilizzabili, una qualunque modalità di computo finirebbe per tradursi in una sostanziale ammissione della fruizione ad ore delle ferie non consentita in alcun modo dalla vigente contrattazione collettiva in materia.

Si deve, infine, ricordare che, ai sensi dell’art. 36, comma 3 della Costituzione, le ferie rappresentano un diritto indisponibile e non sono rinunciabili.

Pertanto, non si ritiene possibile che un lavoratore rinunci ad uno o più giorni di ferie a copertura del debito orario comunque non assolto, conseguente alla fruizione di permessi brevi.

In mancanza di recupero delle ore di permesso fruite, l’Ente potrà provvedere alla proporzionale decurtazione della retribuzione, secondo le previsioni dell’art.20, comma 3, del CCNL del 6.7.1995.

Il testo completo del parere ARAN

Potete consultare questo orientamento applicativo a questo link.

 

0 0 votes
Article Rating
Fonte: articolo di Giuseppe Orefice
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments