PA: istruzioni per ricollocazione del personale mediante processi di mobilità

lentepubblica.it • 20 Aprile 2017

mobilita personale PA ricollocazioneCon nota dell’Ufficio per l’organizzazione ed il lavoro pubblico n. 22552 del 12 aprile 2017, il Dipartimento della Funzione Pubblica detta le istruzioni per le amministrazioni di provenienza del personale che non ha preso servizio nelle amministrazioni di destinazione in seguito alla conclusione di tutte le fasi della procedura di mobilità di cui al D.M. 14 settembre 2015.


Ad oggi, a seguito delle attività svolte sul portale “Mobilita.gov” e delle comunicazioni pervenute dalle amministrazioni di assegnazione, allo scrivente Dipartimento risulta che il personale dichiarato soprannumerario dalle Province e dalle Città metropolitane ha preso servizio salvo quanto segue:

 

1. per i dipendenti elencati nella tabella 1, che specifica l’amministrazione di provenienza e quella di destinazione, la presa di servizio dovrebbe essere differita, rispetto a quella indicata nei decreti direttoriali di assegnazione, per le ragioni sinteticamente riportate nella medesima tabella (allegato 1 ). La prima data utile di effettiva presa di servizio, ove non fosse già determinata, dovrà essere concordata tra le amministrazioni interessate e comunicata allo Scrivente;

 

2. per i dipendenti elencati nella tabella 2, che specifica l’amministrazione di provenienza e quella di destinazione, non sono pervenute, malgrado i solleciti, notizie in merito alla presa di servizio presso l’amministrazione di destinazione (allegato 2). Si chiede alle amministrazioni in indirizzo di comunicare tempestivamente la data di presa di servizio o ogni altra informazione utile a monitorare i processi di mobilità;

 

3. per i dipendenti elencati nella tabella 3, che specifica l’amministrazione di provenienza e quella di destinazione, gli stessi non hanno preso servizio nelle amministrazioni di destinazione in ragione della non accettazione dell’assegnazione o per il venir meno dei presupposti della stessa (allegato 3).

 

A tal riguardo, il citato comma 428 prevede che:

 

 

“Al 31 dicembre 2016, nel caso in cui il personale interessato ai processi di mobilità di cui ai commi da 421 a 425 non sia completamente ricollocato, presso ogni ente di area vasta, ivi comprese le città metropolitane, si procede, previo esame congiunto con le organizzazioni sindacali che deve comunque concludersi entro trenta giorni dalla relativa comunicazione, a definire criteri e tempi di utilizzo di forme contrattuali a tempo parziale del personale non dirigenziale con maggiore anzianità contributiva. Esclusivamente in caso di mancato completo assorbimento del personale in soprannumero e a conclusione del processo di mobilità tra gli enti di cui ai commi da 421 a 425, si applicano le disposizioni dell’articolo 33, commi 7 e 8, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165“.

 

 

In allegato il documento completo.

Fonte: Dipartimento della Funzione Pubblica
avatar
  Subscribe  
Notificami