lentepubblica

Via libera definitivo al PIAO dal Consiglio dei Ministri

lentepubblica.it • 27 Maggio 2022

piao-consiglio-dei-ministriIl Consiglio dei Ministri ha finalmente dato il via libera al regolamento del nuovo PIAO (Piano integrato di attività e organizzazione).


Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro per la pubblica amministrazione Renato Brunetta, ha infatti approvato, in esame definitivo, un regolamento, da adottarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, recante l’individuazione e l’abrogazione degli adempimenti relativi ai Piani assorbiti dal Piano integrato di attività e organizzazione (PIAO).

Scopriamo quali sono le novità del decreto di approvazione definitivo.

Via libera definitivo al PIAO dal Consiglio dei Ministri

Il PIAO è di durata triennale, con aggiornamento annuale, ed è chiamato a definire più profili (comma 2), nel rispetto – precisa la disposizione – delle vigenti discipline di settore.

In proposito sono richiamati, in particolare le discipline di cui al decreto legislativo n. 150/2009 che ha introdotto il sistema di misurazione e valutazione della performance nonché della legge n. 190 del 2012, che ha dettato norme in materia di prevenzione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione.

Ma quali sono le novità di questo nuovo Decreto?

Il Dpr si compone di 3 articoli:

  • L’articolo 1 dispone la soppressione degli adempimenti assorbiti nel Piao.
  • L’articolo 2 contiene alcune disposizioni di coordinamento, che si rendono necessarie nonostante la nuova qualificazione dell’intervento normativo.
  • L’articolo 3 prevede che il Dipartimento della funzione pubblica e l’Anac (per la disciplina sulla prevenzione della corruzione e per la trasparenza) effettuino una attività di monitoraggio sull’effettiva utilità degli adempimenti richiesti dai piani non inclusi nel Piao, all’esito della quale provvedere alla individuazione di eventuali ulteriori disposizioni incompatibili con la disciplina introdotta.

Il testo completo del Dpr sarà presto pubblicato in Gazzetta Ufficiale. A questo link potete consultare il dossier del testo esaminato alla Camera.

Il commento di Brunetta

Il Piao sopprime molti piani e adempimenti di programmazione in capo alle amministrazioni, dal Piano per il lavoro agile a quello per la parità di genere, fino alla performance, destinati ora a essere assorbiti in un solo Piano unico integrato, da adottare a partire dal prossimo 30 giugno. Il Piao è una concreta semplificazione della burocrazia che permette al Paese di compiere un altro passo decisivo verso una dimensione di maggiore efficienza, efficacia, produttività e misurazione della performance”, è il commento del ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta.

Per me è il traguardo di un cammino iniziato nel 2009 con la mia riforma, la legge 150, che indicava la strada per una Pa più snella, efficiente, responsabile e capace di misurare l’impatto delle sue attività sulla vita di famiglie e imprese. Dalla conversione del decreto-legge 80, nell’agosto di un anno fa, fino a oggi abbiamo portato avanti un percorso di ascolto e confronto con tutti gli attori di riferimento, innanzitutto le Regioni, Anci per i Comuni e Upi per le Province. Dico grazie di cuore a tutti i preziosi compagni di viaggio per gli stimoli costruttivi che hanno arricchito ‘strada facendo’ il provvedimento approvato in Consiglio dei ministri“.

 

5 2 votes
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments