fbpx

Progressioni Verticali 2019, Corte dei Conti si pronuncia

lentepubblica.it • 20 Maggio 2019

progressioni-verticali-2019-corte-contiProgressioni Verticali 2019: Corte dei Conti, con la Deliberazione 17/12/2018, n. 140, si pronuncia sulla materia. Ecco quali sono le novità.


Progressioni Verticali 2019, la Corte dei Conti, sezione regionale di controllo della Campania, con la deliberazione del 17 dicembre 2018, n. 140, in controtendenza rispetto all’orientamento prevalente, ha ritenuto che le progressioni verticali – ex art. 22, comma 15, del D.Lgs. n.75/2017 – siano ammesse solo entro un determinato tetto piuttosto restrittivo.

Ricordiamo che già l’anno scorso la Corte dei Conti aveva fornito chiarimenti sull’argomento. In questo caso, la risposta permetteva di ampliare la platea dei possibili concorsi interni, difficilmente realizzabile se, invece, il parametro fosse stato da verificare sul singolo esercizio. 

Il problema si pone in quanto il riferimento espresso nella normativa è al numero di posti. Proseguendo nell’analisi della disciplina, si rileva che tale denominatore deve essere posto in relazione con “[i posti] previsti nei piani dei fabbisogni come nuove assunzioni consentite”.

È necessario, quindi, tenere in opportuna considerazione il piano dei fabbisogni che, ai sensi dell’art. 4, comma 2, del d.lgsl. 75/2017, rappresenta lo strumento per individuare le esigenze di personale “allo scopo di ottimizzare l’impiego delle risorse pubbliche disponibili e perseguire obiettivi di performance organizzativa, efficienza, economicità e qualità dei servizi ai cittadini, le amministrazioni pubbliche” (in questi termini cfr. Corte dei conti, sez. contr. Puglia, deliberazione n. 111/2018).

Progressioni Verticali 2019, Corte dei Conti espone il suo punto di vista

Nello specifico, le progressioni verticali 2019 per la Corte dei Conti sono ammesse solo entro il tetto del 20% delle capacità assunzionali intese per teste e non per valore finanziario.

Dunque il Comune potrà, per il triennio 2018-2020, attivare procedure selettive per la progressione tra le aree riservate al personale di ruolo, rispettando il limite numerico del 20%, rimodulando qualitativamente e quantitativamente la propria consistenza di personale, mediante nuove assunzioni consentite per la relativa area o categoria ed in base ai fabbisogni programmati.

A questo link il testo completo della deliberazione.

Fonte: Corte dei Conti
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] lentepubblica.it • 10 Luglio 2019 Con la Sentenza della Sezione Lavoro Ordinanza n. 11787 del 2019, in materia di progressioni verticali del Pubblico Impiego, la Cassazione fornisce alcuni importanti chiarimenti. Progressioni verticali Pubblico Impiego, Cassazione stabilisce limiti. Quello delle progressioni di carriera è un vero e proprio sistema, ben dettagliato e organizzato secondo un modello preciso, quasi gerarchico; riguarda tutto il mondo del lavoro, non solo la Pubblica Amministrazione. Tuttavia, a livello procedurale, per il Pubblico Impiego esistono limiti che questa recente Sentenza della Cassazione ha messo in evidenza. Progressioni verticali Pubblico Impiego, Cassazione delibera Nel caso specifico, la… Leggi il resto »