fbpx

Quattordicesima: ai Dipendenti Pubblici spetta? Quali regole?

lentepubblica.it • 18 Giugno 2018

quattordicesima-dipendenti-pubbliciQuattordicesima: ai Dipendenti Pubblici spetta? Quali regole? Ecco alcuni chiarimenti su interrogativi molto frequenti.


Quattordicesima dipendenti pubblici. La quattordicesima mensilità, o più semplicemente quattordicesima, è un compenso extra che spetta ad alcune categorie di lavoratori dipendenti: si tratta, in pratica, di una mensilità aggiuntiva, cioè di un mese di stipendio pagato in più, come la tredicesima.

 

Si tratta di uno strumento simile alla tredicesima: la quattordicesima, infatti, è quella retribuzione aggiuntiva che viene corrisposta annualmente ad alcuni lavoratori dipendenti, così come ai pensionati.

 

La quattordicesima gode di un particolare trattamento ai fini fiscali in quanto non costituisce reddito nè ai fini Irpef né ai fini della corresponsione di prestazioni previdenziali e assistenziali. Dunque la sua percezione non determina la perdita (o la riduzione) di benefici come l’integrazione al trattamento minimo o l’assegno sociale o altre indennità erogate nei confronti degli invalidi civili per un incremento del reddito limite previsto dalla legge per tali prestazioni.

 

Regolamentazione

 

La sua regolamentazione è disposta dai contratti collettivi (non solo nazionali, ma anche territoriali e aziendali); inoltre, se il contratto collettivo applicato non la prevede, è possibile che sia comunque riconosciuta al dipendente dal datore di lavoro, in base al contratto individuale (cioè al contratto di lavoro del singolo dipendente).

 

E per i dipendenti pubblici?

 

La quattordicesima, laddove prevista nel CCNL o nel contratto individuale spetta ai dipendenti del settore privato. Per i dipendenti pubblici non è prevista, in via generale, la quattordicesima.

 

Tuttavia, determinati enti possono riconoscere mensilità aggiuntive ulteriori rispetto alla tredicesima.

 

Il discorso, tuttavia, cambia per i Pensionati. Per loro, infatti, la quattordicesima è un diritto tutelato dalla legge, una misura previdenziale riconosciuta direttamente dall’INPS a tutti coloro che ne possiedono i requisiti.

 

Nel dettaglio, questa spetta a coloro che:

 

  • hanno più di 64 anni;
  • sono titolari di una pensione per la quale è riconosciuta la quattordicesima (vecchiaia, anzianità, anticipata, inabilità e invalidità, superstiti);
  • reddito complessivo non superiore ai 9.894,69 euro (1,5 volte l’importo del trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti, 507,42 euro) o ai 13.192,92 euro ( 2 volte l’importo del trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti).

 

Periodo di pagamento

Il periodo di pagamento della quattordicesima mensilità coincide con i mesi estivi, ossia nei mesi di giugno o luglio.

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami