Reddito di Cittadinanza 2019, i modelli per la domanda aggiornati

lentepubblica.it • 4 Aprile 2019

reddito-di-cittadinanza-2019-modelli-domanda-aggiornatiReddito di Cittadinanza 2019, i modelli per la domanda aggiornati: l’aggiornamento recepisce le novelle introdotte dalla legge di conversione del DL 4/2019 approvata recentemente dal Parlamento in via definitiva. Aumentano, seppur di misura, i benefici per le famiglie con disabili gravi o non autosufficienti.


Sono stati pubblicati sul sito Internet dell’Inps i modelli aggiornati per la presentazione della domanda del reddito di cittadinanza e della pensione di cittadinanza e i nuovi modelli «Com» ridotto ed esteso che recepiscono le modifiche introdotte in sede di conversione del decreto legge 28 gennaio 2019, n. 4 (legge 26 del 2019, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 75 del 29 marzo 2019).

I modelli vengono pubblicati dopo avere sentito il ministero del Lavoro e delle politiche sociali ed avere ricevuto il parere del Garante per la tutela in materia di dati personali.

Le modifiche apportate

Le principali novità introdotte dalla Legge di conversione interessano soprattutto i nuclei in cui siano presenti disabili gravi o in condizione di non autosufficienza. Nello specifico nei loro confronti è stato stabilito che il beneficio massimo conseguibile sia di 1.100 euro al mese anzichè 1.050 euro.

Più altri 280 euro di contributo per l’affitto. E’ il caso in cui siano presenti quattro componenti maggiorenni di cui almeno uno con disabilità grave. Con un’altra modifica è stato incrementato da 5mila a 7.500 euro il massimale aggiuntivo del patrimonio mobiliare per ogni componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza  che consente l’accesso all’RdC e alla PdC.

La pensione di cittadinanza potrà essere concessa anche nei casi in cui, fermo restando il requisito dei 67 anni per uno o più componenti del nucleo familiare, ricorra anche il requisito della convivenza «esclusivamente» con una o più persone in condizione di disabilità grave o non autosufficienza, seppure di età inferiore a 67 anni.

Tra le altre novità inserite va segnalato che i genitori di minorenni saranno tenuti ad accettare un’offerta di lavoro solo entro 250 km dalla residenza e non più in tutta Italia, anche in caso di terza offerta. Inoltre è stato ritoccato il valore dell’offerta congrua di lavoro che bisogna accettare per non perdere il sussidio: 858 euro al mese. Contro il fenomeno delle false separazioni nella legge di conversione è stato stabilito che per le separazioni ed i divorzi avvenuti dopo il primo settembre 2018 servirà un verbale dei vigili.

Inoltre anche se madre e padre non sono né sposati né conviventi, l’Isee dovrà essere comprensivo di entrambe le situazioni patrimoniali e reddituali. Gli extracomunitari dovranno farsi certificare reddito e composizione del nucleo familiare dal Paese di origine, con traduzione in italiano e validazione del consolato. Reddito e pensione non si potranno peraltro richiedere se si posseggono immobili diversi dall’abitazione principale di valore superiore a 30.000 euro non solo in Italia ma anche all’estero.

E sia RdC che PdC saranno sospesi non solo in caso di condanna definitiva e di latitanza (come accade per gli ammortizzatori sociali e le prestazioni previdenziali) ma anche se si è solo indagati o imputati. Da segnalare, inoltre, che non avrà diritto al Rdc il componente del nucleo familiare disoccupato a seguito di dimissioni volontarie, nei dodici mesi successivi alla data delle dimissioni, fatte salve le dimissioni per giusta causa.

 

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Nicola Colapinto
avatar
  Subscribe  
Notificami