lentepubblica

Retribuzioni dipendenti pubblici: focus Aran su rinnovi contrattuali

lentepubblica.it • 23 Gennaio 2023

retribuzioni-dipendenti-pubblici-rinnovi-contrattualiIl nuovo “Rapporto semestrale Aran sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti” contiene un focus sui rinnovi contrattuali del triennio 2019-2021.


È on-line il nuovo Rapporto semestrale dell’Aran sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti”. Secondo l’Aran ad oggi, tutto il personale non dirigente ha non solo rinnovato il CCNL del triennio 2019-2021, ma dispone di una nuova architettura circa gli ordinamenti professionali con la quale si è anche voluto rendere più attrattivo l’impiego pubblico e dunque facilitare l’entrata di nuove figure professionali.

Scopriamo dunque i dettagli del nuovo Dossier dell’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni.

Retribuzioni dipendenti pubblici: il focus dell’ARAN su rinnovi contrattuali

Innanzitutto, viene proposta una tempistica dei rinnovi con una puntuale ricostruzione della durata di tutte le fasi attraverso le quali si arriva alla firma definitiva dei contratti.

Il rapporto evidenzia un ritardo rispetto alla tempistica fisiologica, dovuto principalmente al tempo occorrente per definire lo stanziamento finale in legge di bilancio delle risorse destinate ai rinnovi.

Tempi non brevi sono necessari anche per le fasi di verifica e controllo successive alla firma della Ipotesi di contratto.

Lo slittamento temporale evidenzia una chiara specificità del settore pubblico, anche rispetto a quanto avvenuto in alcuni settori del privato.

Contenuti economici dei nuovi contratti

All’interno del Report si offre un’analisi dei contenuti economici dei nuovi contratti, con la indicazione, per ciascun
comparto, degli incrementi retributivi riconosciuti.

Il rapporto registra incrementi superiori al 4% per tutti i comparti (con minime variazioni tra di essi), a fronte di una crescita dei prezzi dell’Indice dei Prezzi al Consumo, nel triennio 2019-2021, complessivo del 2,4%.

Per avere il quadro complessivo degli incrementi retributivi, occorre tuttavia considerare anche le ulteriori risorse, con finalizzazione specifica o destinate a specifici gruppi professionali o settori dei vari comparti, stanziate nella legge di bilancio per il 2022 o in altri provvedimenti normativi. L’incidenza percentuale di queste risorse registra variazioni più marcate tra comparti.

Nel comparto Sanità, anche in seguito all’eccezionale sforzo che è stato sostenuto durante l’epidemia da Covid-19, tali risorse hanno apportato un ulteriore 2,9% di incrementi. Percentuali inferiori negli altri comparti.

Revisione del sistema di classificazione professionali

Ulteriore aspetto qualificante dei rinnovi è stata la revisione del sistema di classificazione professionali. Il Rapporto si sofferma in primo luogo su alcuni fattori di contesto, che hanno creato le condizioni per concludere il negoziato (in primis, il DL 80/2021 e lo stanziamento di risorse dedicate per la fase di prima attuazione).

Sono poi analizzate le principali novità dei nuovi ordinamenti (semplificazione degli inquadramenti giuridici, famiglie professionali, istituzione della area delle elevate professionalità, superamento delle posizioni economiche, possibilità di carriera) e sulle diverse scelte compiute nei vari comparti (ad esempio, con riferimento alla istituzione della “quarta area” o area delle elevate professionalità).

Dinamiche per le retribuzioni contrattuali

La seconda sezione del Rapporto approfondisce, come di consueto, la dinamica registrata per le retribuzioni contrattuali dei settori pubblici e privati. Si tratta di un focus specifico che prende in considerazione gli andamenti delle sole voci retributive con importi “tabellati” definiti nel contratto nazionale.

I dati delle retribuzioni contrattuali del settore privato e della pubblica amministrazione di questa sezione, sono aggiornati al comunicato stampa Istat del 28 ottobre 2022, che riporta le informazioni del trimestre luglio/settembre.

Il testo completo del Dossier dell’Aran

Potete consultare qui di seguito il documento completo.

 

 

3.7 3 votes
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
marina
marina
23 Gennaio 2023 8:57

Sono una dipendente del SSN, e vi posso dire che da quello che viene scritto sulla carta “aumento di qua e percentuale di la” non rispecchia quello che nella realtà si vede nella busta paga. Intanto gli aumenti maggiori nel contratto sono stati dati solo alla parte sanitaria come riconoscimento per l’impegno durante il covid, come se tutti gli altri che lavorano in un ospedale non avessero contribuito! ma è sempre stato così gli amministrativi e i tecnici non hanno visibilità ma senza chi lavora dietro comprando i materiali, gestendo gli apparecchi, il bilancio o le pulizie, anche i sanitari… Leggi il resto »