fbpx

Potrebbero arrivare nuovi ricorsi relativi ai rimborsi pensione

lentepubblica.it • 19 Maggio 2015

 

salvaguardiaLe prime reazioni al decreto legge del Governo sulla rivalutazione delle pensioni bloccate dall’indicizzazione sono sostanzialmente negative. Il provvedimento lascia scontenti un po’ tutti a partire da coloro che hanno un assegno superiore a 3mila euro lordi che non vedranno neanche un euro, sia coloro che rientrano nel bonus messo sul piatto dal Governo. Anche a chi ha un assegno più modesto l’idea di chiuderla con 500 euro una tantum piace poco perchè il Governo riconoscerà loro, al massimo, un 20-25% di quanto lasciato sul terreno in questi anni.

 

E così sono pronti ad una nuova sfida nelle aule dei tribunali non solo manager, medici, bancari e tutte le associazioni che tutelano i pensionati più ricchi, ma anche quelle dei consumatori, e Cgil, Cisl e Uil. Sul piede di guerra per intercettare consensi anche i partiti d’opposizione a partire dalla Lega Nord di Matteo Salvini che minaccia il ricorso alla Corte Ue dei Diritti dell’uomo, passando per Fratelli d’Italia che preannuncia una «class action», e poi Forza Italia e M5S. Piu’ prudenti i giudizi della minoranza dem: “Le prime misure varate dal Consiglio dei ministri su indicizzazione delle pensioni e risorse aggiuntive per la cassa integrazione in deroga nel 2015 vanno nella giusta direzione” ha indicato Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera. La scelta di restituire come priorita’ l’indicizzazione alle pensioni medio-basse e’ quanto noi chiedevamo. Il tetto di 3.200 euro lordi mensili rappresenta una misura congrua, cosi’ come e’ logico avere una restituzione differenziata: 750 euro a chi ne percepisce 1.700 e circa 280 per i pensionati con un assegno mensile di 2.700 euro. Si tratta di una logica di equita’”. “Quello che si tratta di capire e’ come funzionera’, a regime, il meccanismo di indicizzazione. Questo punto e’ ancora poco chiaro”. Secondo Damiano un intervento limitato a 2miliardi consentirà di rimettere mano alla Riforma Fornero.

 

In ogni caso, la battaglia legale per il mancato pieno adeguamento delle pensioni dovrà ripartire da zero. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, che forse la teme, ieri è stato chiaro: «I ricorsi dovranno tenere conto che il quadro è cambiato». Non appena il decreto verrà pubblicato in Gazzetta, la pronuncia della Corte sul decreto Monti non avrà più efficacia, ammette Riccardo Troiano, il legale che per conto di Federmanager ha vinto alla Consulta quello che sembra solo il primo tempo della partita.

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Bruno Franzoni
avatar
  Subscribe  
Notificami