lentepubblica

Rinnovo dei Contratti nel Pubblico Impiego: la sintesi

Bellitto Simone • 14 Dicembre 2022

rinnovo-contratti-pubblico-impiego-sintesiIl Dipartimento per la Funzione Pubblica fa il punto in merito al rinnovo di tutti i Contratti di Pubblico Impiego: ecco la sintesi e gli elementi più importanti.


Dopo la firma del contratto riguardante il comparto sanità, il 2 novembre, e la sottoscrizione dell’ipotesi economica del contratto istruzione e ricerca (per la parte normativa proseguono le trattative), in data 11 novembre, è giunto a conclusione, il 16 novembre, anche l’iter di approvazione del testo definitivo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del Comparto funzioni locali.

La stagione dei rinnovi quindi risulta praticamente conclusa e così si può adesso fare il punto sulla situazione attuale.

Rinnovo dei Contratti nel Pubblico Impiego: la sintesi

Le risorse messe in campo dallo sblocco dei contratti per il triennio 2019–2021 sono pari a quasi 5 miliardi di euro e sono destinate a 2,2 milioni di dipendenti pubblici, l’85% del personale coperto dalla contrattazione nazionale.

Ecco quindi quali sono le principali novità dei vari contratti firmati.

Comparto sanità

Il CCNL riconosce a decorrere dall’1/1/2021 un incremento medio a regime degli stipendi tabellari di 91 euro medi per 13 mesi ed una rivalutazione dei fondi destinati alla contrattazione integrativa di 12 euro mese per 13 mensilità.

Per l’applicazione del nuovo sistema di classificazione professionale risulta inoltre previsto un ulteriore impegno finanziario delle aziende e degli enti del comparto di 13 euro mese per 13 mensilità.

Maggiori informazioni qui.

Si opera una revisione del sistema di classificazione del personale prevedendo cinque aree di inquadramento ed accogliendo la recente innovazione legislativa di un’area di elevata qualificazione, a completamento della quale è stata prevista una rivisitazione del sistema degli incarichi, aumentandone la rilevanza e basandolo sui principi di maggiore responsabilità e di impegno realmente profuso.

Maggiori informazioni qui.

Comparto istruzione e ricerca

L’accordo prevede un incremento medio lordo mensile per 13 mensilità pari a 98 euro.

Per quanto riguarda il personale docente, gli aumenti medi lordi ammontano a 101 euro al mese, pari a una crescita in percentuale superiore al 4,2%.

Il contratto consentirà la corresponsione di arretrati per 2.362,49 euro medi per tutto il personale della scuola (per i docenti l’ammontare è di 2.540 euro medi lordi).

Maggiori informazioni qui.

Comparto funzioni locali

L’incremento retributivo medio previsto dall’accordo è pari a 100,27 euro mensili per tredici mensilità che, considerando anche le risorse aggiuntive dello 0,55% e 0,22%, raggiunge quota 118 euro/mese.

Maggiori informazioni qui.

Gli arretrati del contratto sono, in media, circa 1.700 euro (da un minimo di 1.210 euro ad un massimo di 2.250 euro).

Maggiori informazioni qui.

È stata, inoltre, operata una revisione del sistema di classificazione del personale adeguandolo alle peculiari
esigenze organizzative e gestionali degli. È stata prevista
una rivisitazione del sistema degli incarichi di posizione organizzativa e di elevata qualificazione, aumentandone la rilevanza.

Maggiori informazioni qui.

È stato delineato, inoltre, un nuovo regime delle progressioni economiche orizzontali prevedendo “differenziali stipendiali” da intendersi come incrementi stabili del trattamento economico.

Maggiori informazioni qui.

Comparto funzioni centrali

Inoltre a questi tre accordi va aggiunto anche il contratto riguardante le funzioni centrali, firmato lo scorso 9 maggio, che porta a 2.600.000 il numero di dipendenti interessati ai rinnovi contrattuali messi in campo nel 2022.

Maggiori informazioni qui.

Ulteriori azioni del ministro per la PA

Al rinnovo dei contratti si aggiunge anche il decreto, siglato a fine novembre dal ministro Zangrillo, per l’avvio delle procedure di reclutamento e dunque per l’inserimento di 11.228 unità di forze di polizia, ordinamento civile e militare, e di vigili del fuoco.

Il decreto prevede, in particolare, l’assunzione a tempo indeterminato di:

  • 3.689 unità nell’Arma dei Carabinieri;
  • 1.829 nella Guardia di Finanza;
  • 1.414 nella Polizia penitenziaria;
  • 3.214 nella Polizia di Stato
  • e 1.082 nei Vigili del fuoco.

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di Simone Bellitto
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Silvia Messina
Silvia Messina
14 Dicembre 2022 13:04

Spero che mi vengano accreditati gli arretrati il prima possibile coll scolastico

Roberto
Roberto
Reply to  Silvia Messina
15 Dicembre 2022 8:46

Io lavoro in municipio nel settore demografici, gli arretrati sembra siano di euro 1210 per il livello piu basso A per il B2 1559, per il C 1772 euro, livello D fino a 2900 tutti lordi e li daranno con tassazione separata .. sembra che il cedolino dello stipendio arrivi il 21/12 …

MARIA RITA DIMA
MARIA RITA DIMA
15 Dicembre 2022 13:19

io lavoro in Ente locale in ruolo ho appena ricevuto la busta paga nel 2019 ero cat. D5 dal 2020 cat.D6 sapete quanto ho preso di arretrati netti dal 2019 al 2022 compreso € 1.365,00 circa sono state più le tasse che il resto 4 anni di rinnovo contratto,vale a dire 2019 al 2021 e poi il 2022.E’ veramente vergognoso anche perchè se sei in D6 vuol dire che le responsabilità sono molto elevate.

ANNA CACICI
ANNA CACICI
15 Dicembre 2022 14:34

Buongiorno vorrei sapere se ci sarà un avanzamento di categoria da A a B ormai nei comuni la categoria A nn c’è più…mi era sembrato di leggere che avrebbero fatto anche questo avanzamento senza corsi anche perché ormai siamo 3 in A e nn ho possibilità di far nulla avendo buone capacità dell’uso del PC e poter soprattutto chiedere trasferimento più vicino a casa avendo mamma disabile 100% con padre in vita quindi nn posso usufruire dei 2 anni …se potete aiutarmi grazie