lentepubblica

Rinnovo Contratto Enti Locali: approvato l’atto di indirizzo integrativo

lentepubblica.it • 5 Maggio 2022

rinnovo-contratto-enti-locali-atto-indirizzo-integrativoArriva l’approvazione dell’atto di indirizzo integrativo per il Rinnovo del Contratto Enti Locali: un passo avanti per la firma e la sottoscrizione definitiva.


Si ricorda che il contratto collettivo nazionale per gli Enti Locali, regola i rapporti che si instaurano tra la Pubblica amministrazione e i suoi lavoratori: regione, provincia, comune, polizia locale, sono alcuni degli enti sottoposti a questa disciplina.

Il rinnovo del contratto collettivo nazionale delle Funzioni Locali riguarda il triennio 2019-2021, al momento ancora in piena trattativa tra organizzazioni sindacali e ARAN.

Scopriamo quali sono le novità di questo ulteriore passaggio che avvicina le parti alla firma definitiva.

Rinnovo Contratto Enti Locali: approvato l’atto di indirizzo integrativo

I Comitati di settore Autonomie locali e Regioni-Sanità hanno dunque approvato l’integrazione dell’Atto di indirizzo per il rinnovo del CCNL del personale del comparto Funzioni locali per il triennio 2019/2021.

Si perfeziona così l’ultimo tassello per completare il quadro degli indirizzi per la negoziazione del nuovo contratto, anche con riferimento alle novità normative contenute nella Legge di Bilancio per il 2022.

Questo nuovo atto di indirizzo, che segue quello preliminare predisposto lo scorso anno nel contratto delle Funzioni Locali, servirà a dirigere l’impiego delle risorse per la riforma degli ordinamenti professionali e per lo sblocco dei fondi decentrati.

Delle specifiche di questo atto di indirizzo abbiamo già parlato in questo altro articolo.

Restano comunque ancora alcune criticità da correggere, come il tema degli aumenti delle spese che rischiano di compromettere le assunzioni future.

I maggiori oneri a carico dei bilanci (come gli adeguamenti del trattamento economico accessorio) richiedono più risorse e un maggiore sostegno del Governo in modo da non comprimere la capacità assunzionale degli enti che oggi è fondata sul principio della sostenibilità finanziaria.

Il commento dei Comitati di Settore

Esprimiamo soddisfazione per un’integrazione dell’Atto di indirizzo che salvaguarda l’autonomia degli Enti del comparto rispetto alle maggiori risorse necessarie per gli adeguamenti del trattamento economico accessorio e dell’ordinamento professionale previste dalla Legge di Bilancio” così Jacopo Massaro, sindaco di Belluno e Presidente del Comitato di settore Autonomie locali.

“Rimane il tema dell’impatto di tali maggiori oneri a carico dei Bilanci, per cui abbiamo chiesto, insieme alle Regioni, di individuare le soluzioni normative necessarie per evitare che nel 2022, anno in cui devono Ccnl erogati gli arretrati contrattuali, la capacità assunzionale degli Enti, oggi fondata sulla sostenibilità finanziaria, venga eccessivamente compressa”.

L’integrazione dell’atto di indirizzo è un fatto positivo perché permetterà ad Aran, anche con riferimento al trattamento economico, di accelerare sulla trattativa in corso per il rinnovo del Ccnl del comparto delle Funzioni Locali nella consapevolezza delle adeguate risorse che gli enti metteranno a disposizione per un rinnovamento che passerà attraverso un nuovo  ordinamento professionale.”, ha sottolineato Davide Caparini, Assessore al bilancio della regione Lombardia e Presidente del Comitato di settore Regioni-Sanità.

Continuiamo poi a lavorare per individuare soluzioni affinché gli arretrati contrattuali siano neutralizzati con riferimento alla spesa complessiva del personale rilevata per le capacità assunzionali. Ma soprattutto – ha concluso Caparini – abbiamo individuato la possibilità, con l’integrazione dell’atto di indirizzo, di riconoscere, anche attraverso l’utilizzo delle risorse aggiuntive per il salario accessorio, l’enorme lavoro effettuato dagli addetti alle attività di protezione civile sia nell’ambito della pandemia che nell’ambito dell’emergenza profughi Ucraina”.

 

3.6 5 votes
Article Rating

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
antonella
antonella
9 Maggio 2022 8:07

e così, 4 anni non sono bastati ad Aran e sindacati per redigere ed approvare il nuovo contratto, il che è strano, vista la velocità con qui bollette, carburanti ed alimentari sono speculativamente decuplicati dalla sera alla mattina. In compenso, sono stati velocissimi ad appiopparci nuovi compiti e doveri. E soprattutto stress. Una persona maliziosa potrebbe pensare che ci stiano prendendo in giro, d’accordo con altri.

Roberto
Roberto
Reply to  antonella
9 Maggio 2022 10:40

Condivido al 100% da impiegato il tuo pensiero, ancora con questa barzelletta della contrattazione come se ci dovessero dare chissà che.

Esigente
Esigente
10 Maggio 2022 2:23

Un articolo che descrive l’inutilità l’insensibilità di una classe dirigente del paese, la verità? Nel contratto non c è nessuna innovazione, ma soltanto complicazioni, che si aggiungono all’ennesima interpretazione che ogni comune come al solito interpreterà a modo proprio introducendo voluminosi regolamenti, riducendo il contratto CCNL Enti Locali in 8000 contratti. Una vergogna! Perchè non mettevano per contratto le condizioni lavoro garantito in cui deve operare il lavoratore nella propria fascia, gli enti locali sono lasciati a se stessi è questa la verità, dove la dirigenza pretende in molti casi i risultati senza dare i mezzi e le condizioni, e… Leggi il resto »

alex
alex
10 Maggio 2022 9:04

mesi e mesi per raggiungere ad accordi che si potrebbero risolvere in 2 ore di riunione e che poco interessano il 90% dei lavoratori, vergognatevi

Last edited 9 giorni fa by alex
Maurizio
Maurizio
Reply to  alex
11 Maggio 2022 7:05

sempre la stessa storia, anni di contrattazione inutile per approvare con triennio di ritardi (unici al mondo) un contratto vecchio, fuori tempo e assolutamente inadeguato in termini economici e sopratutto di contenuto.
Vergogna!!!!!!!!!!