fbpx

Scatta il nuovo silenzio assenso nelle PA

lentepubblica.it • 17 Settembre 2015

archivi PAI rapporti tra le pubbliche amministrazioni saranno piu’ semplici. E’ infatti entrato in vigore l’articolo 3 della legge 124/2015 che introduce un nuovo meccanismo per il silenzio assenso (valido però solo tra le pubbliche amministrazioni e non quindi per i rapporti tra Pa e privati) sulle richieste di pareri e nullaosta di qualsiasi tipo.

 

La novità interesserà solo i rapporti tra pubbliche amministrazioni. Entro 30 giorni le Pa dovranno comunicare le rispettive decisioni all’amministrazione proponente entro 30 giorni. Una volta trascorsa la scadenza senza risposte, il silenzio viene appunto interpretato come un sì.

 

L’articolo trova applicazione nelle ipotesi in cui per l’adozione di provvedimenti normativi o amministrativi sia prevista l’acquisizione di assensi, concerti o nulla osta di competenza di altre amministrazioni pubbliche. Con tempi certi e uguali per tutti: le Pa sono infatti tenute a comunicare le rispettive decisioni all’amministrazione proponente entro 30 giorni, decorsi inutilmente i quali, l’assenso, il concerto o il nulla osta s’intende acquisito.

 

Il termine può essere interrotto, una sola volta, qualora l’amministrazione che deve rendere il proprio assenso faccia presenti esigenze istruttorie o presenti richieste di modifica, motivate e formulate entro lo stesso termine. In tali casi, l’assenso, il concerto o il nulla osta sono resi nei successivi trenta giorni dalla ricezione degli elementi istruttori o dello schema di provvedimento.

 

La novella è applicabile anche alle ipotesi in cui sia necessario l’assenso, il concerto o il nulla-osta di gestori di beni e/o servizi pubblici.

 

Fanno eccezione le amministrazioni cosiddette sensibili (Beni culturali e Salute) e quelle di tutela ambientale, paesaggistica e culturale per le quali si prevede un lasso di tempo maggiore, sino a 90 giorni prima di vedere scattare il silenzio assenso (sempre solo tra Pubbliche Amministrazioni). Una novità che ha suscitato anche polemiche per il timore che le sovrintendenze non riescano a far fronte alle richieste neanche in tre mesi.

 

In caso di mancato accordo tra le amministrazioni (ma solo statali) coinvolte, il Presidente del Consiglio, previa deliberazione del Consiglio dei ministri, decide sulle modifiche da apportare allo schema di provvedimento sottoposto all’esame  (viene in tal modo disciplinata non un’ipotesi di silenzio assenso, ma un meccanismo di superamento del dissenso tra amministrazioni).

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Federica Pica
avatar
  Subscribe  
Notificami