lentepubblica

Stop smart-working PA: ecco gli ultimi aggiornamenti

lentepubblica.it • 1 Settembre 2021

stop smart-working paStop smart-working PA: sta per finire il lavoro agile per la PA, per riportare i dipendenti pubblici a lavorare in presenza. Ecco tutte le nuove indicazioni.


È ancora caldo il tema sul ritorno in ufficio dei dipendenti pubblici. Il Governo pensa ad un emendamento al decreto Green Pass per riportare in presenza la Pubblica Amministrazione.

Vediamo quali sono le ultime notizie.

Stop smart-working PA: le ultime notizie in merito

Il tema dello stop allo smart-working per la PA rimane uno dei temi più in evidenza degli ultimi giorni.

Dopo che il Ministro Brunetta ha espresso la volontà di riportare in presenza i dipendenti pubblici, il governo sta lavorando ad un emendamento, da convertire in legge entro il 23 settembre, per riconsiderare la presenza fisica negli uffici dei dipendenti pubblici.

Ricordiamo che nel DL Riaperture dello scorso aprile, convertito in legge a giugno, era stata inserita la proroga dello smart-working fino a fine dicembre 2021.

Ma il Governo sta pensando di riportare in presenza i dipendenti pubblici prima della fine del 2021, al contrario delle norme anti-Covid stabilite, rendendo lo smart-working di nuovo un’eccezione e non la regola.

Il Sole 24Ore ha anticipato come le nuove regole sullo spazio e sulla modalità saranno stabilite dai dirigenti dei vari uffici pubblici, secondo le esigenze organizzative dei vari enti.
Alla fine dello scorso aprile erano state cancellate le percentuali minime di smart-working, ma l’organizzazione della PA è rimasta quasi invariata, facendo del lavoro agile la regola.

Il Ministro Renato Brunetta continua a spingere per la fine dello smart-working e il ritorno in presenza, ma il tema rimane delicato, a causa delle diverse implicazioni politiche legate alla questione.

Brunetta ha anche commentato i dati dell’ISTAT sul PIL italiano (che ha contato un +2,7% nel secondo trimestre dell’anno, rispetto al precedente):

“questa crescita potrebbe essere addirittura superiore se si ripristinerà la modalità ordinaria di lavoro in presenza, tanto nel pubblico quanto nel privato”.

Il cambio di rotta dovrà per forza passare per i sindacati e tenere conto dell’andamento dei contagi in Italia.

Stop smart-working PA: il nodo del Green Pass

stop smart-working paOvviamente la questione del ritorno in presenza dei dipendenti pubblici è strettamente legata all’obbligo della certificazione verde.
Oltre all’obbligo del Green Pass per i docenti e il personale scolastico, dal primo settembre la certificazione verde è obbligatoria anche per accedere ad alcuni trasporti.

Si discuteva recentemente di applicare lo stesso obbligo anche ai dipendenti della Pubblica Amministrazione.
La proposta era nata proprio per ridurre la fetta di dipendenti pubblici in smart-working e migliorare le prestazioni della Pubblica Amministrazione.

Lo ha ribadito anche il Ministro della Salute Roberto Speranza:

“Si può valutare se procedere con l’estensione del passaporto vaccinale. Ad esempio, per i dipendenti della pubblica amministrazione”.

Ma la questione è strettamente correlata alla campagna vaccinale e alla questione politica, dove la Lega e il Movimento 5 Stelle si sono schierati contro l’obbligo vaccinale.

4 2 votes
Article Rating

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments