Tagli agli Stipendi dei Dipendenti Pubblici? Nuovo stop alle spese nella PA

lentepubblica.it • 10 Luglio 2018

tagli-stipendi-dipendenti-pubbliciIl ministro dell’Economia Tria, durante l’illustrazione delle sue linee guida al Parlamento svela i piani per la sforbiciata alle spese pubbliche: tagli agli Stipendi dei Dipendenti Pubblici?


Dal congelamento della spesa corrente, agli stipendi pubblici. Ecco cosa prevederebbe il nuovo piano del Ministro dell’Economia Giovanni Tria. 

 

Dopo aver fermato in Consiglio dei ministri tutte le proposte che non hanno adeguate coperture finanziarie il ministro ha in mente altro. Bocciate già la flat tax che piace tanto alla Lega e il reddito di cittadinanza che sta a cuore al Movimento 5 Stelle. Ora il neo ministro pensa di congelare la spesa pubblica, ma solo quella corrente, per almeno tre anni.

 

Il che significa bloccare a quota 727,7 miliardi di euro la quota di spesa primaria nominale che la Pubblica Amministrazione fa ogni anno.

 

Tagli sugli stipendi dei dipendenti pubblici?

 

Paradossalmente, dopo tutte le manovre che hanno portato, nel nuovo CCNL per il Pubblico Impiego per l’aumento stipendiale, ad essere penalizzati rischiano proprio di essere gli stipendi dei dipendenti pubblici, sui quali i tagli si potrebbero abbattere.

 

Per gli stipendi dei dipendenti pubblici, solo nel 2018 lo Stato dovrà spendere 171 miliardi di euro. Tuttavia, questa spesa negli anni seguenti è destinata a scendere. La possibilità, almeno nelle idee del ministro, ciò nonostante resta concreta.

 

Di difficile digestione politica sarebbe, sebbene si tratti di una ipotesi non da escludere, la possibilità di mancato finanziamento degli aumenti stipendiali ottenuti nel 2018.

 

Ricordiamo che le risorse trovate per il 2018 puntavano a rendere equo l’aumento per tutti gli statali. Cconsiderato che il meccanismo prevede un incremento generalizzato del 3,48%, cosa che avrebbe garantito l’aumento promesso (85 euro medi lordi mensili) soltanto a coloro i quali percepiscono stipendi alti. Così si è introdotto il suddetto “elemento perequativo”.

 

Capitolo Pensioni

 

L’ennesima beffa per il Pubblico Impiego potrebbe arrivare dal lato pensioni: il capitolo pensione la cui spesa, tra il 2018 e il 2021 a conti fatti, aumenterà di circa 23 miliardi di euro. Qualcosa anche a questa voce il ministro intende fare: guardando il contratto di governo giallo-verde, si penserebbe solo sulle pensioni d’oro. Ma potrebbero essere toccate anche quelle dei dipendenti pubblici.

 

La politica del Governo

 

Il Governo potrebbe attuare ciò  fermando anche la dinamica dei costi per tutte le pubbliche amministrazioni: chi ha speso un euro l’anno scorso non potrà spendere nemmeno un centesimo in più nei prossimi. I tagli preventivati si aggirerebbero intorno a 33 miliardi di euro in tre anni.

 

Già il prossimo anno il risparmio sarebbe di 10 miliardi di euro. Soldi che andrebbero a finanziare flat tax o reddito di cittadinanza. Misure che vengono viste come importanti per il rilancio dei consumi e dell’economia.

 

Le prossime settimane saranno decisive su questo fronte: si aprono parecchi scenari, e non tutti sono confortanti.

 

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
lentepubblica.it - Economia, le linee programmatiche del Ministro Tria alla Camera e al Senato Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…] riguardano ‘’il non peggioramento del saldo strutturale, il non aumento della spesa nominale, la ricomposizione della spesa riducendo quella corrente e aumentando la spesa in conto capitale’’, ossia la quota di spesa destinata agli investimenti […]