Previdenza: uscita dal lavoro anticipata, ma con pesanti penalizzazioni

lentepubblica.it • 25 Maggio 2015

riformaIl Governo e l’Inps stanno continuando a studiare i meccanismi per introdurre una qualche forma di flessibilità in uscita a partire dal 1° gennaio del prossimo anno. L’ipotesi che sostanzialmente registra i maggiori consensi a livello politico (soprattutto all’interno della maggioranza) è la proposta Damiano-Baretta che prevede uscite a partire da 62 anni e 35 di contributi con penalizzazioni man mano decrescenti a partire da una soglia pari all’8%.

 

Il meccanismo mira sostanzialmente a concedere un anticipo di almeno 4 anni rispetto agli attuali requisiti previsti per il trattamento di vecchiaia agevolando in questo modo la cd. staffetta generazionale. Secondo fonti vicine all’esecutivo il Governo potrebbe accettare questo schema di massima aumentando però la penalità di un ulteriore 3% per far quadrare i conti. In tal modo chi uscirà a 62 anni e 35 anni potrebbe “beccarsi” una decurtazione non piu’ dell’8% bensì dell’11%.

 

C’è poi un’altra condizione: l’importo dell’assegno così decurtato non potrà risultare inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale. Vale a dire che il rateo dovrà essere superiore almeno a 672 euro lordi al mese.

 

Per quanto riguarda la decurtazione nella proposta si precisa che questa interesserà comunque le sole quote retributive dell’assegno e quindi intaccherà maggiormente l’importo della rendita dei lavoratori anziani rispetto a quelli piu’ giovani (che, com’è noto, hanno una minore parte dell’assegno determinato con il calcolo retributivo). La penalità risulterebbe pertanto assente nei confronti dei lavoratori il cui primo accredito contributivo è successivo al 31 dicembre 1995: costoro hanno infatti l’intero assegno determinato con il sistema contributivo e quindi sostanzialmente non potrà darsi l’applicazione della penalità in parola.

 

L’altra ipotesi pur sul tavolo dell’esecutivo, quella del ricalcolo tutto con il contributivo, riscontra una maggiore divisione a livello politico. Fonti di Governo fanno tuttavia osservare come tale ipotesi, oltre a comportare minori oneri per le casse pubbliche, sarebbe piu’ equa in quanto legherebbe l’importo dell’assegno alla reale consistenza dei contributi versati. Gli assegni in questo caso, però, si ridurrebbero di un importo maggiore rispetto a quanto indicato da Damiano-Baretta.

 

Il confronto si riattiverà comunque a giugno, dopo le elezioni regionali. Entro la fine del prossimo mese infatti l’Inps presenterà la propria proposta per la flessibilità in uscita e per introdurre un ammortizzatore sociale per gli ultra 55enni senza lavoro. In parallelo la Commissione Lavoro della Camera continuerà l’esame delle proposte sulla flessibilità in uscita a cui si dovranno aggiungere i disegni di legge depositati lo scorso mese di Aprile sulla settima salvaguardia dal Partito Democratico e dalla Lega Nord.

 

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Davide Grasso
avatar
  Subscribe  
Notificami