fbpx

L’ANIEF pressa per le modifiche immediate alla “Buona Scuola”

lentepubblica.it • 23 Febbraio 2015

Per il sindacato è stata deludente la presentazione della riforma de ‘La Buona Scuola’, in occasione del primo anno del Governo Renzi: le parti che tutto il personale e gli studenti attendevano non sono state, infatti, affrontate, lasciando intatte perplessità e limiti. L’Anief, che proprio sulla prima bozza del progetto di riforma nelle ultime settimane si è recato nelle scuole confrontandosi con oltre 10mila lavoratori, ricorda che tra le priorità ci sono assunzioni, merito, stipendi, attività aggiuntive, organici, funzioni, tempo scuola.

Marcello Pacifico (Anief-Confedir): ancora troppa confusione sulle 150mila assunzioni. Renzi dice che vuole eliminare il precariato, ma si continuano ad avere poche garanzie su larghe fette di personale che hanno diritto all’immissione in ruolo. Anche gli Ata penalizzati. Il merito dei docenti? Nessuna preclusione, ma prima si allinei lo stipendio. Mancano poi norme a tutela degli scatti e delle mensilità estive dei precari. Bene il potenziamento dell’alternanza scuola-lavoro, ma serve una riforma complessiva. Sull’introduzione dell’arte e della musica tutti d’accordo, però ricordiamoci che le discipline da introdurre sono diverse e hanno bisogno di un tempo scuola allargato.

Anief non ci sta: quanto emerso oggi a Roma, nel corso dell’iniziativa del Pd per presentare ‘La Buona Scuola’ e festeggiare il primo anno del Governo, conclusasi con un lungo intervento del premier Matteo Renzi, non ha riguardato i punti salienti della riforma: le parti che tutto il personale e gli studenti attendevano non sono state infatti affrontate, lasciando così vive tutte le limitatezze del doppio provvedimento di legge che venerdì prossimo il Consiglio dei Ministri si appresta ad approvare.

“Il Governo – commenta Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir – continua a non dare risposte concrete sul futuro di una larga fetta del personale. Renzi ha detto che verranno assunti tutti i precari, ma ad oggi non si hanno certezze su decine di migliaia di docenti precari abilitati inseriti nella seconda fascia delle graduatorie di istituto, in particolare quelli che hanno svolto 36 mesi di servizio su posti liberi, cui spetta l’assunzione. Come non è garantita l’assunzione di tutti coloro che sono inseriti nelle GaE, anche da decenni. Pensiamo poi al futuro incerto degli amministrativi, tecnici e ausiliari, che con la Legge di Stabilità perderanno oltre 2mila posti e si ritrovano dal 1° gennaio senza più indennità per il lavoro aggiuntivo svolto ogni giorno, anche per il supporto agli alunni disabili”.

Per quanto riguarda il merito degli insegnanti, durante l’iniziativa del Pd si è detto solo che verrà attuato: “il nostro sindacato non ha alcuna preclusione nei confronti della carriera professionale dei docenti – spiega Pacifico – ma si può precedere alla sua attuazione solo dopo aver riallineato gli stipendi al costo della vita. Si tratta eliminare gli attuali 4 punti percentuali di gap che oggi lasciano i nostri insegnanti tra i peggio pagati nell’area Ocse”.

“Nel doppio decreto in arrivo, non si ha poi traccia – continua il sindacalista Anief-Confedir – di norme che garantiscano gli scatti di anzianità anche al personale precario il pagamento delle mensilità estive a quei supplenti che hanno lavorato fino al 30 giugno, anche se i posti occupati erano vacanti e quindi annuali a tutti gli effetti. Per quanto riguarda il sostegno, poi, è fondamentale che si immetta in ruolo quel 30 per cento di precari che oggi lavorano sui posti in deroga, ma nella realtà su cattedre a tutti gli effetti vacanti”.

L’Anief, che proprio sulla prima bozza de “La Buona Scuola” si è confrontata con il personale delle scuole, incontrando oltre 10mila lavoratori, non limitandosi a discutibili consultazioni on line, ricorda che le priorità sono queste. Il sindacato ritiene, comunque, che nella ‘Buona Scuola’ vi siano anche delle parti condivisibili. Come il potenziamento dell’alternanza scuola-lavoro: “riteniamo sia fondamentale per combattere abbandoni scolastici e Neet, cui però va affiancata una seria riforma, nella quale si preveda che i giovani studenti non debbano più fare stage gratuiti all’interno di imprese e aziende”.

“È positivo anche il fatto che vi sia finalmente più attenzione per l’arte e la musica, due ambiti fondamentali per la formazione di un ragazzo. Allo stesso modo si dia anche più spazio, ampliando quel tempo scuola che la riforma Gelmini ha ridotto di un sesto, ad altre discipline che hanno la stessa valenza formativa: come il diritto comunitario o la storia dell’arte. Anief lo dice da tempo: la riprogrammazione del sistema produttivo del Paese va realizzata valorizzando al massimo – conclude Pacifico – la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano”.

 

 

 

FONTE: ANIEF – Associazione Sindacale Professionale

 

 

 

scuole nuove, 2015

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami