fbpx

ATA Mobilità: a chi va inviata la domanda?

lentepubblica.it • 10 Maggio 2018

ata-mobilita-a-chi-va-inviata-domandaATA Mobilità: a chi va inviata la domanda? Chi sono gli interessati per presentare la domanda di trasferimento? Quali sono le scadenze?


Può presentare domanda di trasferimento il personale a tempo indeterminato che intende cambiare scuola, provincia o profilo di appartenenza.

 

Tra gli interessati anche coloro i quali non hanno ancora una sede definitiva o hanno perso la titolarità, che dovranno presentare domanda volontaria o attendere le operazioni d’ufficio.

 

Dove va inviata la domanda?

 

La risposta è contenuta all’art. 28 dell’OM per l’a.s. 2018/19 “Per quanto concerne il personale ATA le domande devono essere compilate on line e trasmesse alla scuola via web. Le istituzioni scolastiche, verificata la congruità degli allegati dichiarati e delle certificazioni allegate ove necessarie, inviano le domande via web e trasmettono le certificazioni cartacee all’Ufficio territorialmente competente.”

 

Pertanto, compilazione on line, invio alla scuola, trasmissione da parte della scuola all’Ufficio scolastico.

 

Queste indicazioni valgono per tutti, neoimmessi o personale con più anni di servizio.

 

In estrema sintesi:

 

Tempistica

 

Presentazione domande:  23 aprile – 14 maggio 2018

 

Comunicazione domande e posti al SIDI: 22 giugno 2018

 

Pubblicazioni movimenti: 16 luglio 2018

 

Modalità presentazione domanda

Le domande vanno presentate telematicamente tramite il portale Istanze Online.

 

Chi può presentare domanda

 

Può presentare domanda di trasferimento il personale a tempo indeterminato che intende cambiare scuola, provincia o profilo di appartenenza. Tra gli interessati anche coloro i quali non hanno ancora una sede definitiva o hanno perso la titolarità, che dovranno presentare domanda volontaria o attendere le operazioni d’ufficio.

Preferenze

 

Le preferenze esprimibili sono 15 e possono essere scelte:

 

  • scuole;
  • distretti;
  • comuni;
  • province;
  • CPIA.

 

Nel caso si indichino distretti, comuni e province, gli aspiranti saranno assegnati indifferentemente in  una qualsiasi delle scuole o istituzioni comprese, rispettivamente, nel distretto, nel comune o nella provincia, prendendo in esame prima le scuole primarie, poi le secondarie di primo grado ed infine le scuole secondarie di secondo grado, compresi, i licei artistici e le istituzioni educative statali secondo l’ordine dei rispettivi bollettini ufficiali.

Fonte: Orizzonte Scuola (www.orizzontescuola.it)
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
lentepubblica.it - Personale ATA, notifiche punteggio e modello reclamo: alcuni chiarimenti Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami