Carta del Docente: come controllare le somme residue?

lentepubblica.it • 13 Settembre 2018

carta-del-docente-come-controllare-somme-residueCarta del Docente: come controllare le somme residue?


Gli insegnanti di ruolo delle scuole statali possono accedere alle somme destinate alla formazione e all’aggiornamento tramite la piattaforma http://cartadeldocente.istruzione.it, nuovamente attiva dal 12 settembre. Per una guida completa potete consultare il nostro approfondimento.

 

Facendo riferimento alla normativa vigente, è chiaro che le somme dell’a.s. 2016/17 andrebbero spese entro il 31 agosto 2018, mentre quelle del 2017/18 entro il 31 agosto 2019. Fonti ministeriali rassicurano sul fatto che le somme, relative all’anno scolastico 2017/18, andranno spese entro il 31 agosto 2019, secondo normativa vigente.

 

Accreditati i 500 euro per l’a.s. 2018/19

Anche per l’a.s. 2018/19 sono a disposizione 500 euro

 

Somme non spese

 

Le somme non spese degli anni 2016/17 e 2017/18 sono state riaccreditate.

 

Lo “storico portafoglio”

 

Ciascun insegnante può consultare la composizione del proprio borsellino elettronico attraverso la specifica funzione di “storico portafoglio”. Compaiono tre anni scolastici: per ognuno è indicato analiticamente la serie storica di quanto speso o non speso in questi anni.

 

Come accedere?

 

Si accede attraverso lo SPID. Questo sistema consente di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione con un’unica Identità Digitale (username e password) utilizzabile da computer, tablet e smartphone. Per ottenere le credenziali SPID è possibile rivolgersi ad uno degli Identity Provider disponibili (per maggiori informazioni clicca qui).

 

Una volta ottenuta l’identità SPID l’utente potrà accedere alla piattaforma, si può accedere al sito della piattaforma ministeriale, cliccando sul pulsante “Entra con SPID”. Ciascun insegnante in possesso di una utenza SPID può accedere, pertanto, al bonus dei 500 euro previsti per l’anno scolastico in corso. A seguito degli adeguamenti informatici, sono a disposizione anche le somme non spese e/o gli importi dei buoni non validati relativi all’anno scolastico precedente.

 

Cosa si può acquistare?

 

La Carta del Docente consente, ad esempio, di acquistare, fra l’altro:

 

  • Libri
  • Riviste
  • Ingressi nei musei
  • Biglietti per eventi culturali,
  • Teatro e Cinema,
  • Iscrizione a corsi di laurea o master universitari
  • Iscrizione a corsi per attività di aggiornamento, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

 

Per una guida completa clicca qui.

 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami