Contratto Scuola, la guida completa alla nuova normativa per il personale

Simone Bellitto • 21 Marzo 2018

contratto-scuolaA Febbraio 2018 è stato firmato il nuovo Contratto Scuola, precisamente il primo contratto nazionale di lavoro del nuovo comparto Istruzione e Ricerca. In questa guida affronteremo in dettaglio tutte le novità.


Firmato all’ARAN il primo contratto nazionale di lavoro del nuovo comparto Istruzione e Ricerca, valevole per il periodo 2018-2020. Un milione e duecentomila tra Docenti, Personale ATA, Ricercatori, Tecnologi, Tecnici e Amministrativi.

 

Il contratto è stato, inoltre, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 20 giugno 2018.

 

Lo schema di quest’immenso e controverso documento ha bisogno di semplificazioni: data la molteplicità dei soggetti coinvolti per le novità di quest’anno 2018, molti dei quali sopra citati, è stato necessario suddividere il Contratto Scuola in diverse tranche.

 

Se la sezione iniziale è composta da una PARTE COMUNE, dedicata a tutto il personale incluso nelle trattative, il restante corpus è suddiviso nel seguente modo:

 

  • Sezione Scuola
  • Università e Aziende Ospedaliero – Universitarie
  • Istituzioni ed Enti di Ricerca e Sperimentazione
  • AFAM – Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica

 

Ogni sezione ha delle sue particolari specifiche. In questa sede ci limiteremo a porre sotto la lente d’ingrandimento le normi comuni a tutto il personale del comparto Istruzione e quelle relative al Personale della Sezione Scuola. Di questi argomenti affronteremo tutto ciò che c’è di nuovo, punto per punto, all’interno di questa guida.

 

PARTE COMUNE 

 

Il periodo che interessa questo nuovo contratto è quello che intercorre tra il 1 gennaio 2016 e il 31 dicembre 2018 sia per la parte giuridica che per la parte economica.

 

Il presente contratto, alla scadenza, si rinnova tacitamente di anno in anno qualora non ne sia data disdetta da una delle parti con lettera raccomandata almeno sei mesi prima della scadenza. In caso di disdetta, le disposizioni contrattuali rimangono integralmente in vigore fino a quando non siano sostituite dal successivo contratto collettivo.

 

Relazioni sindacali 

 

Nella primissima parte si parla del nuovo tipo di relazione sindacale tra personale scolastico e OO.SS., che si basa sui tre seguenti cardini: informazione, confronto e partecipazione.

 

Successivamente si passa al versante la contrattazione integrativa è finalizzata alla stipulazione di contratti che obbligano reciprocamente le parti.

 

I contratti collettivi integrativi devono contenere apposite clausole circa tempi, modalità e procedure di verifica della loro attuazione. Essi conservano la loro efficacia fino alla stipulazione, presso ciascuna amministrazione, dei successivi contratti collettivi integrativi. contratto-scuola-personale

 

Responsabilità disciplinare 

 

Un punto chiave riguarda le disposizioni in materia di responsabilità disciplinare. Il dipendente deve in particolare, tra i tanti doveri elencati:

 

  • Eseguire le disposizioni inerenti l’espletamento delle proprie funzioni o mansioni che gli siano impartite dai superiori;
  • Rispettare il segreto d’ufficio nei casi e nei modi previsti dalle norme dell’ordinamento ai sensi dell’art. 24 della legge n. 241/1990;
  • Non utilizzare a fini privati le informazioni di cui disponga per ragioni d’ufficio;
  • Nei rapporti con il cittadino, fornire tutte le informazioni cui lo stesso abbia titolo, nel rispetto delle disposizioni in materia di trasparenza e di accesso all’attività amministrativa previste dalla Legge n. 241/1990.

 

Qualora il dipendente possa ritenere che l’ordine ricevuto sia palesemente illegittimo, deve farne rimostranza a chi lo ha impartito, dichiarandone le ragioni. Se l’ordine è rinnovato per iscritto ha il dovere di darvi esecuzione. Il dipendente non deve, comunque, eseguire l’ordine:

 

  • Quando l’atto sia vietato dalla legge penale;
  • Se la disposizione costituisce illecito amministrativo.

 

Sanzioni 

 

Le violazioni da parte dei dipendenti degli obblighi, danno luogo, secondo la gravità dell’infrazione, all’applicazione delle seguenti sanzioni disciplinari previo procedimento disciplinare:

 

  • Rimprovero verbale;
  • Rimprovero scritto (censura);
  • Multa di importo variabile fino ad un massimo di quattro ore di retribuzione;
  • Sospensione dal servizio con privazione della retribuzione fino a dieci giorni;
  • Sospensione dal servizio con privazione della retribuzione da 11 giorni fino ad un massimo di sei mesi;
  • Licenziamento con preavviso;
  • Licenziamento senza preavviso.

 

Codice Disciplinare 

 

Il tipo e l’entità di ciascuna delle sanzioni sono determinati in relazione ai seguenti criteri generali:

 

  • Intenzionalità del comportamento, grado di negligenza, imprudenza o imperizia dimostrate;
  • Rilevanza degli obblighi violati;
  • Responsabilità connesse alla posizione di lavoro occupata dal dipendente;
  • Grado di danno o di pericolo causato all’amministrazione, agli utenti o a terzi;
  • Sussistenza di circostanze aggravanti o attenuanti;
  • Concorso nella violazione di più lavoratori in accordo tra di loro;
  • Nel caso di personale delle istituzioni scolastiche educative ed AFAM, coinvolgimento di minori, qualora affidati alla vigilanza del dipendente.

 

contratto-scuola-normativaPremi Individuali 

 

Ai dipendenti che conseguano le valutazioni più elevate, secondo quanto previsto dal sistema di valutazione dell’amministrazione, è attribuita una maggiorazione dei premi individuali, secondo la disciplina prevista nelle rispettive sezioni, che si aggiunge alla quota di detto premio attribuita al personale valutato positivamente sulla base dei criteri selettivi.

 

Assenze 

 

Sono proposte misure finalizzate a conseguire obiettivi di miglioramento, qualora siano rilevate assenze medie che presentino significativi e non motivabili scostamenti in continuità con le giornate festive e di riposo settimanale. Se non raggiungono questi obiettivi, le risorse variabili di alimentazione dei fondi destinati ai trattamenti economici accessori sono bloccate rispetto al loro ammontare riferito all’anno precedente. Tale limite permane anche negli anni successivi.

 

SEZIONE SCUOLA 

 

Relazioni sindacali 

 

I dipendenti hanno diritto a partecipare, durante l’orario di lavoro, per dieci ore pro capite in ciascun anno scolastico. Ciascun’assemblea può avere una durata massima di due ore, se si svolge a livello di singola Istituzione scolastica o educativa nell’ambito dello stesso comune.

 

Disposizioni specifiche per i Docenti 

 

Il potenziamento dell’offerta formativa comprende le attività di istruzione, orientamento, formazione, inclusione scolastica, diritto allo studio, coordinamento, ricerca e progettazione previste dal piano triennale dell’offerta formativa, ulteriori rispetto a quelle occorrenti per assicurare la realizzazione degli ordinamenti scolastici.

 

Qualunque riduzione della durata dell’unità oraria di lezione ne comporta il recupero prioritariamente in favore dei medesimi alunni nell’ambito delle attività didattiche programmate dall’istituzione scolastica.

 

Deve essere prevista la sanzione del licenziamento nelle seguenti ipotesi:

 

  • Atti, comportamenti o molestie a carattere sessuale, riguardanti studentesse o studenti affidati alla vigilanza del personale, anche ove non sussista la gravità o la reiterazione, dei comportamenti;
  • Dichiarazioni false e mendaci, che abbiano l’effetto di far conseguire un vantaggio nelle procedure di mobilità territoriale o professionale;

 

Occorre prevedere una specifica sanzione nel seguente caso:

 

  • Condotte e comportamenti non coerenti, anche nell’uso dei canali sociali informatici, con le finalità della comunità educante, nei rapporti con gli studenti e le studentesse.

 

Disposizioni specifiche per il Personale ATA 

 

Il personale ATA assunto in servizio a tempo indeterminato è soggetto ad un periodo di prova la cui durata è stabilita come segue:

 

  • Due mesi per i dipendenti inquadrati nelle aree A e A super;
  • Quattro mesi per i restanti profili.

 

Decorso il periodo di prova senza che il rapporto di lavoro sia stato risolto, il dipendente si intende confermato in servizio con il riconoscimento dell’anzianità dal giorno dell’assunzione. In caso di recesso, la retribuzione è corrisposta fino all’ultimo giorno di effettivo servizio compresi i ratei della tredicesima mensilità ove maturati. Il periodo di prova può essere rinnovato o prorogato alla scadenza per una sola volta.

 

Il personale ATA, ha diritto a 18 ore di permesso retribuito nell’anno scolastico, per motivi personali o familiari, documentati anche mediante autocertificazione. Questi permessi:

 

  • Non riducono le ferie;
  • Non sono fruibili per frazione di ora;
  • Sono valutati agli effetti dell’anzianità di servizio;
  • Non possono essere fruiti nella stessa giornata congiuntamente ad altre tipologie di permessi fruibili ad ore, nonché con i riposi compensativi di maggiori prestazioni lavorative fruiti ad ore;
  • Possono essere fruiti, cumulativamente, anche per la durata dell’intera giornata lavorativa: l’incidenza dell’assenza sul monte ore a disposizione del dipendente è convenzionalmente pari a sei ore;
  • Sono compatibili con la fruizione, nel corso dell’anno scolastico, dei permessi giornalieri previsti dalla legge o dal contratto collettivo nazionale di lavoro.

 

Ai dipendenti ATA sono riconosciuti specifici permessi per l’espletamento di visite, terapie, prestazioni specialistiche od esami diagnostici, fruibili su base sia giornaliera che oraria, nella misura massima di 18 ore per anno scolastico.

 

Stipendi e progressioni economiche 

 

Gli stipendi tabellari, come previsti dall’art. 2 del CCNL Scuola 4/8/2011, sono incrementati degli importi mensili lordi, per tredici mensilità.

 

Gli incrementi dello stipendio hanno effetto, dalle singole decorrenze, su tutti gli istituti di carattere economico per la cui quantificazione le vigenti disposizioni prevedono un rinvio allo stipendio tabellare.

 

I benefici economici sono computati ai fini previdenziali anche nei confronti del personale cessato dal servizio, con diritto a pensione, nel periodo di vigenza del Contratto Scuola.

 

Riconosciuto anche ad una parte del personale un elemento perequativo mensile, in relazione ai mesi di servizio nel periodo 1/3/2018 – 31/12/2018. La frazione di mese superiore a quindici giorni dà luogo al riconoscimento dell’intero rateo mensile. Non si tiene conto delle frazioni di mese uguali o inferiori a 15 giorni.

 

Per i lavoratori in part-time, l’importo è riproporzionato in relazione al loro ridotto orario contrattuale. Il personale destinatario di incarichi per supplenze brevi e saltuarie percepisce l’elemento perequativo una tantum in un’unica soluzione. Questo nell’ambito del contratto individuale stipulato con ciascuna Istituzione Scolastica, in relazione all’effettiva durata del servizio.

contratto-scuola-istruzione-ricerca

 

Fondo per il miglioramento dell’offerta formativa 

 

 

Per concludere, facciamo un veloce cenno anche al nuovo Fondo per il miglioramento dell’offerta formativa. A decorrere dall’anno scolastico 2018/2019, infatti, confluiscono in un unico fondo le risorse già erogate in forma diversa nei precedenti CCNL:

 

 

  • Il Fondo per l’Istituzione Scolastica
  • Le risorse destinate ai compensi per le ore eccedenti del personale insegnante di educazione fisica nell’avviamento alla pratica sportiva
  • Risorse destinate alle funzioni strumentali al piano dell’offerta formativa;
  • Le risorse destinate agli incarichi specifici del personale ATA
  • Risorse destinate alle misure incentivanti per progetti relativi alle aree a rischio, a forte processo immigratorio e contro l’emarginazione scolastica.

 

 

N.B: Per quanto non espressamente previsto dal nuovo CCNL, continuano a trovare applicazione le disposizioni contrattuali dei CCNL dei precedenti comparti di contrattazione e le specifiche norme di settore. In quanto compatibili con le suddette disposizioni e con le norme legislative, nei limiti del d. lgs. n. 165/2001.

 

Per tutte le altre informazioni potete consultare, in allegato a questo articolo, il testo completo del Contratto Scuola, scaricabile liberamente in formato PDF.

 

 

 

 

Fonte: articolo di Simone Bellitto
avatar
26 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
0 Comment authors
Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami