fbpx

Docenti: dieci consigli sui comportamenti da non tenere in classe

lentepubblica.it • 3 Settembre 2015

registro_classe-720x540Ok, siamo tutti d’accordo che gli studenti di oggi non sono quelli di una volta, che le vecchie generazioni erano più rispettose delle attuali. Che oggi il rispetto va conquistato, anche se dovrebbe essere dovuto.

 

Sicuri che il docente non possa, comunque, migliorare il proprio modo di fare per avere un feedback diverso dalla classe?

 

Eccovi alcuni consigli utili da poter spendere durante le ore di lezione.

 

1. Evitate di formulare frasi che isprimano negatività. Ad esempio, “sono sicura che il prossimo compito in classe farà molte vittime tra voi.” Oppure, “Ovviamente, nessuno di voi ha mai sentito parlare di Dante Alighieri”.

 

2. Evitate clima autoritario. Meglio essere autorevoli. Tutte le decisioni sono mie, “questo è il mio modo, questo è il mio mondo”. L’autorevolezza verrà spontaneamente, svolgendo con impegno il vostro lavoro.

 

3. Punizioni esagerate. Non trasformare lievi disagi in grandi problemi, ogni cosa deve avere il giusto peso. Ad esempio, se uno o più alunni sono in ritardo, inutile punirli chiedendo di scrivere 100 volte “non voglio più essere in ritardo, non voglio più essere in ritardo.”

 

4. Punizioni di massa. Può avere un senso se è la classe nella sua interezza ad aver infranto una regola, ma può essere controproducente se a causa di uno o pochi alunni vengono puniti tutti gli altri con lo scopo che la massa faccia pressione sui singoli per migliorare il comportamento.

 

5. Non avere ben chiari gli obiettivi didattici. L’insegnante non riuscirà mai a coinvolgere i propri studenti senza un obiettivo chiaramente definito. Ciò vale sia a livello di singola lezione che di obiettivi generali del percorso didattico. Meglio se questi obiettivi vengono condivisi.

 

6. Non ripetere argomenti già compresi e assimilati. Se i vostri alunni riescono a mentenere la concentrazione e l’interesse anche di fronte ad argomenti più volte affrontati e già assimilati, meritano un premio.

 

7. Non concentratevi su un solo alunno. Sia in negativo che in positivo, sia che si tratti di un disturbatore, sia che si tratti del nuovo Einstein.

 

8. Non proponete lezioni al di sopra delle capacità dei vostri studenti. Inutile soffermarsi sulle conseguenze. Le lezioni devono essere ben calibrate sulle abilità di partenza dei vostri alunni e sicuramente è meglio preparare mini-lezioni che mega-lezioni.

 

9. Non incolpare senza avere le prove. “Chi ha ridacchiato mentre spiegavo? Sicuramente Rossi.” Evitatelo.

 

10. Non perdere mai la calma e non urlare.

Fonte: Orizzonte Scuola (www.orizzontescuola.it)
avatar
  Subscribe  
Notificami