fbpx

Fondi Merito e Funzionamento Scuole: MIUR ruba le risorse per la propria Spending Review

lentepubblica.it • 25 Maggio 2018

fondi-merito-funzionamento-scuole-miur-ruba-risorseFondi Merito e Funzionamento Scuole: il MIUR ruba le risorse destinandole alla propria Spending Review interna. Questa la denuncia dell’UIL Scuola.


Ulteriori 18 milioni dei 200 del ‘merito’ finiscono a finanziare  la spending review del ministero dell’istruzione. La legge di bilancio 2018, infatti,  ha previsto riduzioni di spesa dei bilanci dei ministeri.

 

Il Miur, invece di ridurre esclusivamente il proprio bilancio interno, ha deciso di intervenire sul finanziamento del bonus per la valorizzazione docente (200 milioni del merito), sulle risorse della legge 440 (che finanzia le attività delle scuole) e sul funzionamento delle istituzioni scolastiche.

 

“Così  – commenta il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi – il Miur dopo aver annunciato che il fondo per il funzionamento era stato appena rifinanziato,  interviene proprio nei settori più delicati del sistema nazionale di istruzione: insegnanti e funzionamento delle scuole.

 

Quando la coperta si fa corta – aggiunge Turi – le scelte si ripetono: si interviene direttamente sulle risorse delle scuole e le retribuzioni stesse del personale. Come dire con una mano si dà, con l’altra si leva.

 

A quanti avevano usato toni di contrarietà alla firma del contratto  – pone l’accento Turi –  vogliamo ricordare che con la firma di aprile abbiamo contrattualizzato le risorse,  comprese le economie, evitando una vera e propria sottrazione di risorse per le retribuzioni accessorie del personale.”

 

Fuori dalle maglie del contratto, e del confronto, assistiamo invece ad atti unilaterali del Miur che procede, senza farsi scrupoli, con il prelievo sulle altre voci, per mettere a posto i conti.  Un modo di procedere che vede totalmente contraria la UIL Scuola.

 

Sul contratto Scuola Lega-M5S, invece, dai programmi del nuovo Governo restano in comune alcuni interventi di superamento della 107, collegati a elementi come la ‘chiamata diretta’ e l’alternanza scuola lavoro. Restano tutte da verificare le altre affermazioni che sono valutabili solo se legate al modello di scuola che è alla base del programma di governo.

 

Mettere ‘al centro del nostro sistema paese l’istruzione’  è una  indicazione generica che merita un confronto ed un coinvolgimento, nonché il consenso dei cittadini e del personale della scuola.

 

Fonte: Federazione UIL Scuola RUA
avatar
  Subscribe  
Notificami