fbpx

Anief: Graduatorie ad esaurimento Servizio prestato in più sedi scolastiche e liste ‘salvaprecari’

lentepubblica.it • 10 Luglio 2014

Anief: Graduatorie ad esaurimento Servizio prestato in più sedi scolastiche e liste ‘salvaprecari’

Vittoria piena dell’ANIEF contro le illegittime determinazioni del MIUR poste in essere negli ultimi anni attraverso le “liste salvaprecari”: il Tribunale di Milano riconosce il diritto all’inserimento nelle liste “prioritarie” ex Legge 167/2009, anche a quanti avevano prestato i 180 giorni di servizio in diverse istituzioni scolastiche con conseguente attribuzione in loro favore del punteggio spettante e non riconosciuto dal MIUR. Gli Avvocati Fabio Ganci e Walter Miceli ottengono una prima storica sentenza in favore di una nostra iscritta con la condanna del MIUR per aver posto in essere provvedimenti illogici e di dubbia costituzionalità.

L’Avv. Ezio Guerinoni, della cui professionalità l’ANIEF si avvale sul territorio, ci trasmette sentenza di pieno accoglimento emanata dal Giudice del Lavoro di Milano presso cui, con la perizia e la competenza che contraddistinguono il lavoro dei legali ANIEF, ha ottenuto ragione in favore di una nostra iscritta e la condanna del Ministero dell’istruzione al riconoscimento immediato di 12 punti nelle Graduatorie a Esaurimento e al pagamento delle spese di lite.

La vexata quaestio del “salvaprecari” inizia nel 2009, annus horribilis per i precari della scuola travolti dalla famigerata “riforma Gelmini”, quando il Legislatore decide di intervenire in favore di quanti, pur avendo prestato servizio a tempo determinato con contratto annuale o fino al termine delle attività didattiche nel 2008/2009, si erano ritrovati letteralmente “tagliati fuori” dalla possibilità di stipulare la medesima tipologia di contratto per l’anno scolastico successivo a causa della “carenza di posti disponibili” diretta conseguenza di quella “razionalizzazione” voluta proprio dall’allora Ministro dell’Istruzione.

La Legge 167/2009, infatti, da subito fortemente contestata dall’ANIEF, aveva posto in essere una discussa forma di “tutela” nei confronti del personale scolastico precario prevedendo il loro inserimento in “liste prioritarie”, meglio note come “liste salvaprecari”, per garantire loro le assegnazioni “con precedenza assoluta” delle supplenze temporanee. Il MIUR decide, discostandosi dalla previsione normativa, di “restringere il campo” attraverso il DM n. 100/2009, prevedendo che potevano accedere al “salvaprecari” solo quei docenti che avessero prestato servizio nel 2008/2009 con supplenza di almeno 180 giorni “in un’unica istituzione scolastica”.

La discriminazione odiosa e ingiustificata, denunciata dall’ANIEF come non rispettosa del principio di uguaglianza di cui all’art. 3 della nostra Costituzione, ha ottenuto, ora, piena censura da parte del Tribunale di Milano, che con una chiara e puntuale sentenza ha dato ragione al nostro sindacato confermando che il MIUR era andato ben oltre la “ratio” della normativa primaria, adottando un criterio restrittivo ritenuto assolutamente “illegittimo” non ravvedendo nella determinazione del MIUR “elementi giuridici e logici” di sorta. La sentenza rileva, infatti, che la “restrizione” ad un’unica istituzione scolastica del servizio valutabile ai fini dell’inserimento nel “salvaprecari” e contenuta nel DM 100/2009 “appare contraria sia con il dato letterale che con la “ratio” della norma di rango primario contenuta nella L. 167/2009”.

Il Tribunale di Milano, dunque, ha sposato in pieno le tesi dell’ANIEF convenendo che “una diversa interpretazione sarebbe del resto contraria con il principio di uguaglianza sostanziale, sancito dall’art. 3 Cost, e con il principio di ragionevolezza visto che un docente che svolga 180 giorni di supplenza presso un solo istituto scolastico, anche attraverso più contratti (“tramite proroghe o conferme contrattuali”), sarebbe preferito ad altro docente che svolga il medesimo o anche un numero superiore di ore di supplenza – come avvenuto nel caso di specie – con identico numero di contratti ma presso due o più istituzioni scolastiche”. MIUR condannato, dunque, a sanare l’illegittimità nei confronti della nostra iscritta inserendola “ora per allora, negli elenchi prioritari” validi per la provincia di interesse e attribuendole i 12 punti spettanti, proprio ex. art. 1 L. n. 167/2009, in riferimento all’anno scolastico 2009-2010, “con effetto immediato”. Condanna alle spese conseguente a carico del MIUR che dovrà pagare anche 1.400 € oltre accessori di lite.

L’ANIEF, come sempre trionfante in tribunale al fianco dei docenti precari, ribadisce la propria politica di aperta condanna nei confronti di qualsiasi illegittima determinazione che il MIUR ha voluto o vorrà porre in essere e si conferma con soddisfazione unico sindacato che sa far valere con efficacia le ragioni dei lavoratori della scuola inducendo sempre il Ministero dell’Istruzione al pieno rispetto della normativa primaria e della nostra Costituzione.

FONTE: ANIEF

scuola grande

Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami