Mobilità e immissioni in ruolo 2016/2017: chi sarà interessato?

lentepubblica.it • 23 Novembre 2015

immissioni ruoloSi cominciano già a contare i posti utili per le immissioni in ruolo 2016/17. Ad essere interessati i docenti ancora in graduatoria ad esaurimento e i precari abilitati delle graduatorie di istituto, che si apprestano a partecipare al concorso a cattedra di prossima emanazione.

 

Dalle fasi B e C del piano straordinario di immissioni in ruolo sono rimasti vuoti circa 16.000 posti.

 

Alcuni li chiamano “posti bruciati”, rivendicando il fatto che già quest’anno li si poteva assegnare ai precari abilitati delle graduatorie di istituto o ai precari con oltre 36 mesi di servizio su posto vacante e disponibile, altri cominciano a conteggiarli ai fini dello svuotamento definitivo delle graduatorie ad esaurimento, che potrebbe concretizzarsi già dal 2016/17.

 

Il conteggio nei dettagli

 

 

 

Fase B

 

Posti disponibili 16.210

 

Proposte inviate 8.776

 

Posti rimasti vuoti (mancata accettazione) 244

 

Totale posti rimanenti da fase B 7.678

 

 

 

Fase C

 

Posti disponibili 55.258

 

Proposte inviate 48.974

 

Posti rimasti vuoti (mancata accettazione) 1.509

 

Totale posti rimanenti da fase C 7.793

 

 

 

Totale posti rimanenti da fase B e C = 15.561

 

Tali posti, che nell’a.s. 2015/16 dovranno essere coperti con supplenze, nel prossimo anno scolastico saranno disponibili per le normali operazioni, con precedenza alla mobilità straordinaria prevista dal comma 108 della legge 107/2015.

 

Ricordiamo infatti che le operazioni di mobilità dell’a.s. 2016/17 si suddivideranno in due fasi:

 

  • La prima riguarderà i docenti assunti a tempo indeterminato entro l’anno scolastico 2014/2015.

 

  • La seconda fase riguarderà quindi i docenti neoassunti 2015, con distinzione varie tra le varie fasi del piano di assunzioni 2015/16 e la graduatoria (Gm e GaE) di nomina. Tale fase deve ancora essere regolata attraverso il CCNI Mobilità 2016/17.

 

In ogni caso la legge afferma che il piano straordinario di mobilità territoriale e professionale sarà dispoto su tutti i posti vacanti dell’organico dell’autonomia, che comprende posti in organico di diritto, sostegno e posti di potenziamento.

 

Resta da stabilire

 

  • la collocazione geografica di tali posti. Se i posti della fase B corrispondono esattamente ad una provincia, non è ancora così per i posti del potenziamento

 

  • se tali posti verranno decurtati alla radice mettendoli a disposizione del concorso a cattedra 2015.

 

 

Dunque, ad oggi sappiamo di poter contare su questi posti, ma non sappiamo ancora in quale fase saranno disponibili, in quali province e per parte di essi (quelli della fase C) per quali classi di concorso.

Fonte: Orizzonte Scuola (www.orizzontescuola.it)
avatar
  Subscribe  
Notificami