fbpx

Mobilità Scuola: firmata ipotesi di contratto integrativo

lentepubblica.it • 16 Giugno 2016

abuso contratto a termine scuolaDocenti, educativi e ATA verso la mobilità annuale. Tutte le operazioni avranno come destinazione una scuola e non un ambito. È stata siglata il 15 giugno 2016, l’ipotesi di contratto integrativo sulla mobilità annuale, concernente tutte le operazioni di utilizzazione e assegnazione provvisoria 2016/17 del personale docente, educativo e ATA a tempo indeterminato. Il calendario delle operazioni sarà definito in seguito.

 

Per i docenti, il testo ricalca sostanzialmente quello dell’anno precedente e consente di esprimere le preferenze puntuali e sintetiche su scuola-comune-distretto-provincia, nel numero solito massimo di 20 per l’infanzia e primaria e di 15 per la secondaria di 1° e 2° grado.

 

È importante sottolineare che tutti i docenti in possesso dei requisiti previsti, anche quelli neo-immessi in ruolo, accedono ai movimenti per l’assegnazione di una scuola, rimanendo esclusa da questo accordo qualsiasi modalità di destinazione verso gli ambiti territoriali.

 

Il contratto regola anche l’utilizzazione nei licei musicali e coreutici. Di seguito il comunicato unitario dei sindacati firmatari.

 

Firma a cinque per il contratto integrativo sulla mobilità annuale. A sottoscriverlo questa mattina al Miur tutti i sindacati scuola rappresentativi: FLC CGIL, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Unams.

 

Il contratto sottoscritto completa, ampliandoli e perfezionandoli ulteriormente, gli elementi di tutela del personale in tema di mobilità. Un altro passo in avanti che consentirà il massimo delle possibilità di spostamento dei docenti anche sui posti disponibili per un solo anno scolastico.

 

I provvedimenti di assegnazione provvisoria saranno tutti effettuati sulle singole scuole in cui vi siano posti disponibili.

 

Resta ora da affrontare il problema più importante e urgente: portare a soluzione negoziale il passaggio dei docenti titolari di ambito alle singole scuole. L’obiettivo è assicurare il massimo di obiettività e trasparenza a operazioni che riguarderanno migliaia di persone.

 

Servirà a tal fine un negoziato approfondito e serio con il MIUR per completare il quadro delle regole per la mobilità, dando certezza e continuità al personale, anche al fine di garantire il regolare avvio dell’anno scolastico. I nostri obiettivi: trasparenza, oggettività e omogeneità.

 

Roma, 15 giugno 2016

 

 

FLC CGIL
Domenico Pantaleo
CISL  Scuola
Maddalena Gissi
UIL  Scuola
Giuseppe Turi
SNALS  Confsal
Marco Paolo Nigi
GILDA Unams
Rino Di Meglio
Fonte: FLC CGIL - Federazione Lavoratori della Conoscenza
avatar
  Subscribe  
Notificami