Riapertura Scuole: anche la vendita di zaini e libri non decolla

lentepubblica.it • 1 Settembre 2020

riapertura-scuole-vendita-zainiIl punto lo fanno le Federazioni di settore aderenti a Confcommercio.


Si prospettano ancora molte criticità in merito alla riapertura delle Scuole, e in tutto questo i genitori, non ancora sicuri della situazione, non acquistano: quindi la vendita di zaini e libri scolastici non decolla.

Un trend che è in netto calo rispetto all’anno scorso e agli anni passati, come delineato delle federazioni di categoria aderenti alla Confcommercio.

Riapertura Scuole: vendita di zaini e libri non decolla

I dati sono impietosi e riflettono l’incertezza sull’avvio della scuola che si ripercuote sul comparto. Le cartolerie registrano un calo di fatturato del 40%, mentre i librai rilevano soprattutto una certa lentezza nel ritiro dei testi già pronti.

Il fronte delle cartolerie

“Ad oggi  la vendita di materiale scolastico va a rilento. L’incertezza che aleggia sull’apertura delle scuole e sui modi dello svolgimento delle lezioni non ha portato le famiglie alla corsa all’accaparamento dei kit scolastici. Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso registriamo un meno 40% di fatturato.

Possiamo dire dopo un monitoraggio fatto tra i nostri associati – spiega Medardo Montaguti, presidente di Federcartolai Confcommercio che la situazione su territorio è a macchia di leopardo.

Regioni come Calabria, Sicilia e Sardegna hanno delle perdite significative di vendite di zaini, diari e cancelleria dal 50 al 60% e per i testi scolastici si va da 30 al 35% in meno di prenotazioni.

In Centro Italia, Toscana,  Emilia, e al Nord,  Piemonte Veneto, Lombardia e Liguria le perdite sono più contenute, dal 40 al 50%, per il materiale scolastico.

Per i libri scolastici, invece,  c’è stato un buon recupero, anche considerato che molte cartolibrerie si sono convertite a vendere libri usati, causa Covid e minore disponibilità economica.

Se non si arriva a diversificare l’offerta nei servizi al cliente, considerando anche la concorrenza della Grande Distribuzione, non vi sono alternative alla chiusura. Come Federazione prevediamo che  avremo entro fine anno un 5% in meno di attività aperte”.

Il fronte delle librerie

Sul fronte librerie sembra andare un po’ meglio, come afferma Paolo Ambrosini, presidente di Ali Confcommercio:

“in queste settimane abbiamo riscontrato da parte delle famiglie il desiderio di garantire ai figli un avvio dell’anno scolastico ordinato e con tutto il corredo di libri pronto, sia nuovi  che usati.

Se però da un lato le famiglie sono solerti nell’ordinare ci sembra di riscontrare una maggiore lentezza nel ritiro dei testi pronti. Sicuramente per il perdurare del periodo delle ferie, mai così agognate come quest’anno. Ma anche forse in parte per i dubbi che alcuni hanno sollevato sul corretto avvio dell’anno scolastico”.

Sulle consuete polemiche del ‘caro libri’ Ambrosini aggiunge:

“ricordo  che il prezzo lo definisce l’editore e che anche i librai sono vittime delle politiche commerciali degli editori. Invito quindi  le associazioni dei consumatori a riflettere sul messaggio negativo che puntualmente ogni anno contribuiscono a far veicolare sul libro e quindi sulla lettura.

Se la lettura negli ultimi anni è calata lo dobbiamo in parte anche a queste polemiche. Con l’occasione invito le associazioni dei consumatori a sostenere la nostra proposta di detrazione delle spese per i libri di testo dalle tasse al pari delle spese mediche”.

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments