fbpx

La scuola è sporca? La puliscono il sindaco e le mamme degli studenti

lentepubblica.it • 6 Dicembre 2019

Ecco quanto è successo in un istituto scolastico del napoletano: a pensare alla pulizia della Scuola hanno dovuto provvedere direttamente il sindaco e le mamme.


Scuola sporca: puliscono sindaco e mamme degli studenti. Il fatto è avvenuto a Casalnuovo (Napoli), dove il primo cittadino Massimo Pelliccia ha dovuto sopperire al mancato servizio del personale, in sciopero.

Il sindaco di Casalnuovo ha dunque aiutato un gruppo di mamme a ripulire una scuola del territorio, sporca proprio a causa dello stato di agitazione dei lavoratori del consorzio Manital.

Scuola sporca: puliscono sindaco e mamme

I lavoratori non percepiscono da mesi lo stipendio, e questo fatto sta creando non pochi disagi nelle scuole del territorio, dove vengono ripuliti solo i bagni ed alcuni locali.

E per dare un esempio il primo cittadino ha deciso di imbracciare la scopa e, allo stesso tempo, di lanciare un appello direttamente al Ministero dell’Istruzione.

La dichiarazione del Sindaco

Questa la dichiarazione rilasciata dal Sindaco:

#PuliziaScuole Un’azione dimostrativa per chiedere una presa di responsabilità da parte del Ministero: i lavoratori della Manital hanno il diritto di scioperare, ma i bambini hanno il diritto di studiare in un ambiente pulito e sereno.

Oggi alla Viviani, insieme ai volontari di associazioni ed alcune mamme, siamo riusciti a ripulire tutta la scuola. La nostra azione vuole essere di supporto rispetto al lavoro dei dirigenti scolastici e di sensibilizzazione rispetto a quanto sta avvenendo. Questa situazione deve essere risolta al più presto!

[…] Lasceremo le aule e tutti gli spazi puliti. Ovviamente è un diritto dei lavoratori scioperare, ma e’ un diritto sacrosanto dei minori stare in un ambiente pulito. Il Ministero intervenga subito. Questa mattina ho consegnato in tutte le scuole il materiale necessario, quali detersivi, rotoloni e saponi per aiutare i dirigenti scolastici”. 

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami