fbpx

Scuole aperte tutto l’anno e tutto il giorno, la proposta ANQUAP

lentepubblica.it • 24 Maggio 2019

scuole-aperte-tutto-annoL’ANQUAP, Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche ha lanciato un manifesto dal titolo “Come far funzionare (bene) le scuole: aperte tutto l’anno e tutto il giorno”. Ecco i dettagli.


Scuole aperte tutto l’anno e tutto il giorno: questa la proposta dell’ANQUAP, sintetizzabile dal manifesto presentato con le proposte indirizzate al Governo. Ma di cosa si tratta nello specifico?

Il documento

Fatta l’essenziale e realistica premessa che precede e tenuto conto (per cambiarlo) dell’attuale assetto istituzionale, ordinamentale e organizzativo delle scuole, nonché del rapporto di lavoro di dirigenti, direttori, docenti a personale ATA, queste sono le proposte dell’ANQUAP.

Ricordiamo che già l’ex ministro Fedeli, due anni fa, aveva pensato ad un sistema simile.

Scuole aperte tutto l’anno e tutto il giorno. Questo documento porta avanti proprio questa proposta.

Scuole aperte tutto l’anno e tutto il giorno

  1. le scuole come luoghi e centri di vita educativa e sociale per il territorio di riferimento sono aperte tutto l’anno e tutto il giorno.

Nell’arco temporale che va da settembre a giugno (10 mesi) l’orario di servizio giornaliero delle scuole, dal lunedì al venerdì, è di almeno 9 ore (ad es. dalle 8,30 alle 17,30), con eccezione durante i periodi delle vacanze natalizie e pasquali nei quali si osserva solo l’orario antimeridiano di almeno 5 ore (es. dalle ore 8,30 alle 13,30).

Nei mesi di luglio e agosto (due mesi) e sempre dal lunedì al venerdì si osserva solo l’orario antimeridiano giornaliero di almeno 5 ore (es. dalle ore 8,30 alle ore 13,30).

Nel mese di agosto le scuole sono chiuse per 15 giorni a cavallo della festività di ferragosto.

Le ordinarie attività didattiche – curricolari ed extracurricolari, come previste nel PTOF – si svolgono tra settembre e giugno.

Nei mesi estivi di luglio e agosto si svolgono le attività di recupero dei debiti formativi, quelle di promozione delle eccellenze e quelle che possono sviluppare le interrelazioni tra scuola e mondo del lavoro, nonché le attività sociali, culturali, ricreative e sportive rivolte agli alunni ed alla popolazione adulta.

Subordinatamente agli spazi temporali e logistici non occupati dalle attività didattiche, il coinvolgimento degli adulti può avvenire anche nel periodo da settembre a giugno, pure utilizzando la giornata del sabato se necessario.

Le attività rivolte agli adulti debbono essere assistite da specifici finanziamenti pubblici e/o privati e da contribuzione degli interessati.

Orario di 25 ore settimanali per i docenti

  1. l’orario di lavoro dei docenti è di 25 ore settimanali (in media) per undici mesi. L’orario è comprensivo di tutte le attività connesse alla funzione docente, anche quelle eventualmente rivolte agli adulti. La retribuzione viene conseguentemente aggiornata: più lavoro e più stipendio.

Governance politica delle Scuole

  1. la governance politica delle scuole viene assegnata ad un organismo collegiale composto da 8 unità (contro le attuali 14 o 19), con adeguata rappresentanza di soggetti esterni alle componenti scolastiche.

Una unità viene nominata dal Prefettouna dal Presidente della Regione, una dal Presidente della Provincia o dal Sindaco del Comune ove ha sede la scuola ed una dal Presidente della Camera di commercio, tra cittadini del territorio di comprovata esperienza e professionalità.

Alle quattro unità indicate si aggiungono il Dirigente scolastico, il Direttore SGA e un docente, scelto tra i “professional” che compongono il middle management di cui al punto successivo.

La composizione si completa con un rappresentante dei genitori scelto dal board di cui al punto successivo. In prima applicazione il genitore coincide con il Presidente in carica dell’attuale Consiglio di Istituto.

L’organo collegiale di governo, che potrebbe assumere la denominazione di Consiglio dell’Istituzione scolastica, elegge il Presidente al suo interno tra i componenti che non appartengono alla scuola. Le funzioni di segretario verbalizzante sono svolte dal Direttore SGA (i verbali sono atti pubblici di rilevante valore giuridico, la cui stesura richiede elevata perizia tecnico-giuridica).

Il Consiglio ha il compito di approvare gli atti fondamentali di programmazione, gestione e rendicontazione, nonché quelli normativi (Statuto, regolamenti etc… etc…). Appartiene al Consiglio il compito di definire anche l’atto di indirizzo per l’elaborazione del PTOF e quello afferente la contrattazione integrativa di istituto.

I lavori del Consiglio sono preparati dal board di cui al punto successivo, così come l’elaborazione del PTOF, la proposta del programma annuale le eventuali variazioni ed il conto consuntivo. L’esecuzione delle decisioni del Consiglio è di competenza del Dirigente scolastico coadiuvato dal DSGA.

Le forme di partecipazione dei genitori – e degli alunni nelle scuole del 2 ciclo – sono stabilite nel regolamento di istituto approvato dal Consiglio.

Governance gestionale delle Scuole

  1. la governance gestionale delle scuole viene svolta da un board (Comitato o Consiglio di Amministrazione) diretto dal Dirigente scolastico, legale rappresentante dell’Istituto, con accanto un Middle management (amministrativo e professionale: un quadro direttivo e professional) costituito dal Direttore SGA e da tre docenti per ogni scuola scelti con procedura selettiva dal Consiglio dell’Istituzione. I docenti che acquisiscono il ruolo di professional lo mantengono per tutta la carriera, salvo rinuncia e restituzione alla funziona docente, anche se trasferiti in altra scuola, con posti disponibili per l’inserimento nel board.

I professional non svolgono più attività di insegnamento, salvo casi eccezionali e temporanei, ed il loro orario di lavoro è uguale a quello del Direttore SGA.

Uno dei professional, scelto dal dirigente sentito il board, assume le funzioni di collaboratore vicario del Dirigente e lo sostituisce nei casi di assenza e/o impedimento, assumendo temporaneamente la qualifica dirigenziale con tutte le funzioni e conseguenti responsabilità.

Al Direttore SGA il Dirigente può delegare parte delle sue funzioni amministrative e contabili, ferma restando la doppia firma sugli atti contabili che ordinano le riscossioni e i pagamenti.

La gestione del personale ATA, ivi compresi i poteri disciplinari, è di competenza del DSGA sulla base di indirizzi dirigenziali.

Al professional collaboratore vicario e agli altri due professional, il Dirigente può delegare parte delle sue funzioni organizzative, di relazioni con l’esterno e di gestione del personale docente.

Il board si riunisce con cadenza settimanale per programmareorganizzare e monitorare l’attività gestionale e svolgere funzioni di supporto al Consiglio dell’Istituzione. Le riunioni del board sono convocate e presiedute dal Dirigente, mentre il DSGA svolge le funzioni di Segretario verbalizzante.

Il rapporto di lavoro del middle management, che costituisce l’esclusivo bacino di reclutamento dei Dirigenti scolastici, viene disciplinato nell’ambito dell’area di istruzione e ricerca in apposita sezione. La struttura retributiva del middle management è identica a quella del Dirigente scolastico e si rapporto alla stessa in misura non inferiore all’80%.

L’azione disciplinare nei confronti del middle management può essere esercitata solo dall’Ufficio per i Procedimenti disciplinari (UPD).

Attività Amministrative

  1. le attività amministrative e quelle tecniche, sul piano operativo, sono svolte da categorie di funzionari e/o impiegati di spiccata professionalità, coerenti con le funzioni attribuite in via esclusiva all’Ente scuola e adeguate alla conduzione dei laboratori destinati alla didattica.

I tecnici sono presenti sia nel primo che nel secondo ciclo.

Sia gli Amministrativi che i tecnici sono reclutati attraverso concorsi per titoli ed esami, superando l’attuale situazione di graduatorie permanenti solo per titoli.

In ogni scuola va istituita la figura del Coordinatore Amministrativo, già prevista e mai introdotta, che svolge le funzioni di Vice Direttore SGA e lo sostituisce nei casi di assenza e/o impedimento, assumendone funzioni e responsabilità. In assenza del Coordinatore Amministrativo, l’incarico di sostituzione del Direttore SGA viene assegnato dallo stesso Direttore, sentito il board.

Autonomia

  1. le scuole autonome sono titolari di potere normativo di carattere statutario e regolamentare ed hanno la facoltà di assumere a tempo determinato, anche part-time, esperti di comprovata esperienza e professionalità, per la realizzazione di progetti particolarmente complessi e innovativi.

Nei casi in cui l’Avvocatura Distrettuale dello Stato non sia disponibile ad assumere l’assistenza legale delle scuole nei procedimenti dinanzi al giudice ordinario o amministrativo, o a fornire pareri su questioni particolarmente complesse, le stesse possono avvalersi di Avvocati del libero foro, con priorità per gli iscritti all’ordine forense già dipendenti della scuola e/o di altre scuole.

Assetto organizzativo

  1. l’assetto organizzativo ed istituzionale deve riconoscere identico status e pari governance a tutte le istituzioni scolastiche autonome, superando l’assurda e dannosa distinzione tra quelle normo dimensionate e quelle sottodimensionate. È auspicabile che si arrivi ad un’intesa Stato/Regioni che collochi il numero complessivo delle scuole autonome, a livello nazionale, a 8.000 istituzioni scolastiche con un rapporto medio tra scuole e alunni di novecento/mille unità

Nel primo ciclo debbono esistere solo gli istituti comprensivi, mentre nel secondo ciclo va data priorità ad istituti autonomi dello stesso settore (solo Licei o solo Istituti Tecnici o solo Istituti Professionali). Solo in via subordinata gli istituti possono essere costituiti da più settori, stante la loro intrinseca complessità e la presenza al loro interno di più indirizzi.

Contabilità

  1. sul piano contabile e finanziario le scuole svolgono la loro attività nei limiti di legge e senza ulteriori vincoli regolamentari, come purtroppo avvenuto con il recente D.I. 129/2018. Se il prescritto regolamento può muoversi anche in deroga (parziale) alle norme generali sulla contabilità pubblica, questa facoltà deve essere esercitata per allargare/aumentare le possibilità e le flessibilità e non per diminuirle.

La soggezione al sistema di tesoreria unica va limitata ai soli finanziamenti pubblici, escludendo le risorse finanziarie che le scuole hanno la capacità di reperire in proprio.

Per gli alunni che hanno superato l’obbligo scolastico e per gli adulti che partecipano ad attività e progetti, le scuole possono stabilire, con provvedimento del Consiglio dell’Istituzione, un contributo obbligatorio di iscrizione e frequenza, riconoscendo esoneri per le situazioni di particolare disagio.

La disciplina del controllo di regolarità amministrativa e contabile deve essere riformata, assegnandone il compito (ex post) ad un corpo ispettivo interistituzionale.

Il documento completo è disponibile a questo link sul sito Anquap.

Scuole aperte tutto l’anno e tutto il giorno, dunque? Vederemo come sarà accolta la proposta.

Fonte: ANQUAP
avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Carlo Agrusti Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Carlo Agrusti
Ospite
Carlo Agrusti

.