Stipendi Personale Scuola: una mappa delle emissioni su NoiPA

lentepubblica.it • 15 Marzo 2016

bustaAlcuni supplenti temporanei scrivono speranzosi di trovare in conto corrente, gli stipendi con i quali il Miur è in debito con loro.

 

Il 15 marzo è stata emanata, su NoiPA, una emissione speciale (il 15 di ogni mese ne viene effettuata una), e alcuni tra coloro che devono ricevere – se tutto è andato bene – ancora i pagamenti relativi alle mensilità di gennaio e febbraio 2016 sono stati tra i destinatari fortunati di tale emissione.

 

Ma vogliamo ricordare agli interessati che se l’emissione urgente che viene disposta in un giorno specifico dal MEF, con l’accredito nella modalità comunicata alla scuola, avverrà solo nei successivi giorni.

 

Ecco le altre date di emissione previste per il mese di marzo 2016.

 

Venerdì 18 marzo Emissione pagamenti urgenti

 

Giovedì 31 marzo Emissione ordinaria delle competenze relative alla rata di aprile.

 

Gli stipendi arretrati (ebbene sì, il problema non è ancora risolto) dei supplenti temporanei potrebbe quindi rientrare nella consueta emissione speciale del 15, con accredito qualche giorno dopo.

 

Continuano le segnalazioni alla nostra redazione riguardanti il mancato pagamento degli stipenti ai supplenti della Scuola.

 

Si tratta di circa tremila docenti che, pur svolgendo regolarmente il loro lavoro, non percepiscono retribuzione da diverso tempo. C’è chi ha ricevuto una o due mensilità o chi addirittura non ha percepito nemmeno uno stipendio.

 

A chi ha ricevuto alcune delle mensilità arretrate, non è stato accreditato il bonus Renzi (le 80 euro per intenderci) e non sono state applicate le detrazioni fiscali, in quanto le somme percepite sono state considerate arretrati.

 

MIUR e MEF, contattati più volte dagli interessati, continuano ad accusarsi a vicenda,  senza risolvere la questione; un dato è certo, comunque, ossia la mancanza dei fondi per liquidare il dovuto ai docenti.

 

In una risposta tramite il portale NOIPA, si attribuisce il ritardo “nella maggior parte dei casi” al MIUR, al mancato accredito dei fondi e ai controlli particolarmente elaborati che il MIUR pretende di fare e che rallentano le operazioni di emissione.

 

Si tratta di una situazione veramente incresciosa e inverosimile, si auspica che il MIUR affronti realmente la situazione al fine di risolverla definitivamente.

Fonte: Orizzonte Scuola (www.orizzontescuola.it)
avatar
  Subscribe  
Notificami