A Cassino l’inaugurazione dell’Atelier Memory Gate: la porta della Memoria

lentepubblica.it • 8 Aprile 2019

cassino-inaugurazione-atelier-memory-gateNella mattinata di venerdì 5 Aprile si è svolta a Cassino l’inaugurazione dell’Atelier Memory Gate: la porta della Memoria, presso il Museo Historiale.


Tramite il progetto integrato di valorizzazione culturale denominato ABC Arte Bellezza e Cultura, promosso dalla Regione Lazio e dedicato alle imprese e grazie ai fondi regionali ed europei del POR FESR, è stato possibile finanziare circa 25 progetti imprenditoriali per la valorizzazione culturale del territorio.

Gli Atelier, veri e propri spazi fisici messi a disposizione dei beneficiari dei progetti, sono i luoghi dove prenderanno vita eventi, presentazioni e attività di networking nei cinque diversi ambiti territoriali e tematici previsti.

Le sette imprese vincitrici del bando regionale per l’Atelier Memory Gate  sono state inviate  a presentare le proprie proposte e idee alla cittadinanza.

Dopo i saluti istituzionali della Dott.ssa Giovanna Pugliese, responsabile dei Progetti Speciali della Regione Lazio, e del Prefetto Benedetto Basile, Commissario straordinario del Comune di Cassino, hanno preso la parola Pasquale Ciacciarelli, Presidente Commissione regionale Cultura, Spettacolo, Sport e Turismo, Mauro Buschini, consigliere regionale del Lazio e Miriam Cipriani, Direttore regionale Cultura e Politiche giovanili. Tutti hanno rimarcato l’importanza di questi progetti che hanno la duplice finalità di valorizzare e far conoscere i luoghi della cultura meno noti del territorio laziale e di rilanciare l’attività delle imprese dell’industria creativa al servizio dei beni culturali. Inoltre, come ribadito dal Prefetto Basile, l’apertura dell’atelier di Cassino, in concomitanza con la riapertura del Museo Historiale, si inserisce nella programmazione dedicata al 75° anniversario della battaglia di Montecassino.

Poi la parola è passata ai coordinatori dei sette progetti che hanno ottenuto il finanziamento, i quali hanno illustrato le finalità e le modalità di sviluppo delle attività che animeranno l’Atelier nei prossimi mesi, fino a dicembre 2019. Alcuni hanno puntato sul linguaggio cinematografico, come la SD Cinematografia e la Eurofilm, altri hanno deciso di sfruttare le opportunità fornite dalla tecnologia applicata ai beni culturali per sviluppare percorsi multimediali immersivi sia dentro che fuori l’Atelier, come l’Istituto Sturzo, la Broadcast Digital Service e la DBG Srl. L’emittente locale Teleuniverso ha proposto infine una serie di attività giornalistiche per coinvolgere le scuole della città.

La Dott.ssa Federica Emidi della Golem Ict, azienda attiva nel campo dello sviluppo di software gestionali per la PA e le PMI, ha presentato  Memotech: salvaguardia e catalogazione delle memorie, un progetto multidisciplinare e tecnologicamente innovativo, che porterà alla creazione di un archivio digitale della memoria, tramite una piattaforma  che consentirà di  catalogare ed archiviare ogni tipo di contenuto seguendo le linee guida del MiBAC (files multimediali, documenti, immagini e testi).

Seguendo il tema principale dell’Atelier di Cassino, Golem Ict intende mettere in relazione il concetto di memoria informatica con la memoria storica riferita agli avvenimenti della Seconda Guerra Mondiale nel territorio della provincia di Frosinone. Dunque il risultato finale del progetto sarà un prodotto tecnologico innovativo, il portale MEMOTECH, che raccoglierà i contenuti e gli elementi di un percorso di memoria, costruito attraverso la ricerca e la rielaborazione di testimonianze degli eventi bellici.

In parallelo alla fase di sviluppo informatico, un’equipe di professionisti esperti nella creazione artistica e nella gestione di contenuti multimediali, creeranno un percorso storico-culturale che si articolerà in diverse modalità espressive, attraverso la realizzazione di un film documentario (basato su interviste a testimoni diretti ed indiretti degli eventi), di una mostra e di un libro multimediali, integrati con la realtà aumentata.

Saranno inoltre organizzati alcuni incontri dedicati al pubblico scolastico con letture di testi e dibattiti moderati da storici ed uno spettacolo teatrale inedito che verrà messo in scena all’interno dell’Atelier. Tutte le attività descritte saranno aperte al pubblico dal 22 ottobre al 22 novembre 2019; alla fine di quel periodo, sarà possibile consultare ogni contenuto del percorso della memoria attraverso la piattaforma on line.

Il progetto di Cassino costituisce il primo passo concreto verso la progettazione e realizzazione di un sistema integrato di catalogazione dedicato a musei ed istituti culturali, che Golem ict intende sviluppare e diffondere per offrire il proprio supporto in materia di gestione e valorizzazione dei beni culturali.

La mattinata si è conclusa con la presentazione di un progetto dedicato alla formazione di operatori museali da impiegare negli istituti culturali del territorio e con l’intervento del Dott. Albino Ruberti, capo di Gabinetto della Presidenza della Regione Lazio.

Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
avatar
  Subscribe  
Notificami