Nasce una nuova figura professionale: il “promotore di auto mutuo aiuto”

lentepubblica.it • 3 Settembre 2014
L’associazione Amalo di Milano organizza un corso gratuito in sette giornate per diventare promotore di gruppi di auto mutuo aiuto, un’innovativa forma di sostegno che sta conoscendo un notevole successo. Per diventare promotori non occorre essere professionisti, ma avere disponibilità e voglia di mettersi in gioco. E magari fare di questa una vera professione
Un’attività interessante e in veloce crescita, parte integrante del welfare più innovativo, che può regalare grandi soddisfazioni e diventare, in alcuni casi, anche un lavoro retribuito. E’ il ruolo di promotore di gruppi di Aiuto Mutuo Aiuto (Ama), risorsa gratuita e alla portata di tutti che può essere molto utile per superare situazioni di disagio, malattia, difficoltà croniche o temporanee. In Italia, come documentato da un’inchiesta di Vita, i gruppi sono oltre 10mila e continuano a crescere, visti gli eccellenti risultati ottenuti dai partecipanti.
Una posizione delicata, che non si può improvvisare: per questol’associazione Amalo promuove a Milano, nell’ambito del progetto NiguardaNoi, un intenso programma di formazione dedicato alla promozione dei gruppi di Auto Mutuo Aiuto sul territorio e alla formazione di nuovi promotori/facilitatori.
“Il promotore dei gruppi di auto mutuo aiuto, volontario o professionista, è colui che può attivare e sostenere la nascita e lo sviluppo dei gruppi Ama nel territorio o all’interno delle organizzazioni”, spiega Greta Stucchi di Amalo. “I corsi si rivolgono a professionisti dei servizi sociali, sanitari ed educativi, ma anche a cittadini e volontari, e offrono la possibilità di acquisire conoscenze, abilità e supporti operativi utili a promuovere o facilitare gruppi e reti di auto mutuo aiuto”.
I promotori, spiegano ancora da Amalo, possono svolgere la loro attività gratuitamente, da volontari, o ricevere un compenso sotto forma di rimborso spese o di retribuzione vera e propria: “Le forme di compenso più strutturate derivano dal fatto che un intervento rientri nell’ambito di progetti e azioni che godono di finanziamenti ad hoc”, spiega ancora Greta Stucchi. “Comunque è bene sottolineare che i gruppi di auto mutuo aiuto sono sempre offerti gratuitamente ai partecipanti”.
Amalo, in qualità di associazione ombrello, si fa garante del rispetto di queste regole di gratuità e accompagna la realizzazione dei progetti di auto mutuo aiuto elaborati dai corsisti, sostegno che continuerà anche oltre la fine del corso. 
La partecipazione al Corso Promotori di 7 giornate è gratuita e deve essere preceduta dalla partecipazione ad almeno 2 tra i 5 workshop introduttivi a scelta, che si svolgeranno nelle seguenti date:
24 settembre 2014: Il promotore dell’Ama
2 ottobre 2014: La valutazione di efficacia nei gruppi di auto mutuo aiuto. Stimoli metodologici ed esperienze a confronto
3 ottobre 2014: Auto mutuo aiuto e professionismo: la declinazione delle abilità professionali nell’Ama.
Le date previste per il corso di secondo livello “Il promotore dei gruppi di auto mutuo aiuto” sono le seguenti: 22 e 29 ottobre; 5 e 19 novembre; 10 dicembre; 14 e 21 gennaio 2015. Su www.amalo.it è possibile consultare i programmi di ciascun workshop e del corso di formazione di secondo livello.
AUTORE: Gabriella Meroni
welfare
Fonte:
avatar
  Subscribe  
Notificami