lentepubblica

Lavoratori dello Spettacolo: proroga istanze FUS, in arrivo ddl sullo Statuto delle Arti

lentepubblica.it • 15 Marzo 2021

spettacolo-proroga-istanze-fusArrivano aggiornamenti dal MIBAC per i lavoratori dello Spettacolo: arriva la proroga istanze FUS ed è stato depositato al Senato il ddl sullo Statuto delle Arti.

A fornire gli aggiornamenti alla nostra redazione è stata la Feditart (Federazione Italiana Artisti).

Spettacolo: proroga istanze FUS

Infatti, il decreto del Direttore generale Spettacolo rep. n. 519 del 15 marzo 2021, proroga il termine di scadenza per la presentazione delle istanze di contribuzione ministeriale, ai sensi degli articoli 1 e 2 del decreto 31 dicembre 2020, rep. n. 1 del 4 gennaio 2021, attraverso la procedura telematica.

Il termine è stato dunque differito alle ore 16.00 del 23 aprile 2021.

A questo link potete leggere il testo completo del decreto.

In arrivo ddl sullo Statuto delle Arti

Il disegno di legge “Disposizioni sul riconoscimento della figura professionale dell’artista e sul settore creativo” depositato in Senato dalla maggioranza ha lo scopo di tutelare i lavoratori dello spettacolo e del settore creativo, valorizzandone il lavoro in maniera omogenea.

A firmare il provvedimento, infatti, definito anche “Statuto delle Arti”, sono il presidente della commissione Cultura, Riccardo Nencini (Iv-Psi) e i capigruppo nella 7a di Palazzo Madama dei partiti che sostengono il governo: Danila De Lucia (M5S), Maria Saponara (Lega), Roberto Rampi (Pd), Andrea Cangini (FI), Daniela Sbrollini (Iv) e Albert Laniece (Autonomie).

Risulta infatti necessario “definire cosa si intende per artista, quale sia la peculiarità del lavoro dell’artista e quali siano i tratti tipici dei cosiddetti settori creative – spiegano i firmatari del ddl -. Ciò porrà le basi per un progetto di riforma del sistema di tutela previdenziale e sociale in tale ambito, partendo da riflessioni emerse nel dibattito nazionale ed europeo da oltre due decenni, come dimostrano gli studi, le ricerche, le proposte di risoluzione del Parlamento europeo e i programmi specifici di intervento per il settore culturale e creativo dell’Unione europea”.

La mancata attuazione della legge n. 175 del 2017, sottolineano i senatori della maggioranza, “richiede un nuovo intervento legislativo che offra il perimetro giuridico entro cui restituire certezze normative ad un settore particolarmente provato dalla situazione emergenziale che si protrae da oltre un anno”.

 

 

5 2 votes
Article Rating
Fonte: Feditart
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments