fbpx

Sicurezza sul lavoro: le idee dell’INAIL per i i parchi eolici

lentepubblica.it • 23 Novembre 2015

sicurezza_0Confronto a tutto campo nell’ottava edizione del seminario “La sicurezza sul lavoro nei parchi eolici”, promosso di recente a Roma dalla General Electric Renewable Energy con interventi di Inail, VVF, Uil, aziende del comparto eolico e Anev (Associazione nazionale energia del vento). Il dibattito ha coinvolto clienti, operatori energetici, fornitori, manager, esperti e istituzioni al fine di sviluppare una maggiore consapevolezza sul tema della sicurezza sul lavoro attraverso la condivisione di esperienze e best practice. Tanti gli argomenti discussi: tra questi, la safety observation, l’ergonomia e la movimentazione dei carichi, la corretta individuazione dei pericoli chimici, le previsioni meteorologiche e la gestione del rischio fulmini, fino agli aspetti critici che impattano sulla realizzazione e sull’amministrazione dei parchi eolici.

 

Dalla consulenza sulla normazione al sostegno alle aziende. Ester Rotoli, direttore centrale Prevenzione dell’Inail, si è soffermata su alcuni dei punti qualificanti l’azione dell’Istituto: dal sostegno alla normazione tecnica volontaria – in grado di garantire sicurezza, qualità, tutela dell’ambiente e dei consumatori, nonché prestazioni certe in tutti i settori produttivi – fino alle attività poste a sostegno della prevenzione. Si tratta di un complesso articolato di attività – ha detto Rotoli – che si sostanziano nella collaborazione in tavoli normativi e tecnici, con la raccolta e la diffusione di linee guida e buone prassi e l’individuazione di soluzioni tecniche per la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali ai fini della riduzione dei relativi costi sociali, economici e assicurativi. Ancora, l’Inail interviene attraverso il sostegno alle aziende, con incentivi e sistemi di finanziamento mirati su strumenti e novità prevenzionali, ma anche con progetti indirizzati al supporto delle piccole e medie imprese, lavorando all’individuazione degli elementi di innovazione tecnologica in tema di prevenzione e benessere e favorendo l’applicazione di sistemi di gestione dalla salute e sicurezza (Sgsl) attraverso specifici protocolli e accordi.

 

“Dall’Europa indicazioni importanti su tutela salute e protezione ambientale”. Rotoli ha focalizzato, inoltre, le basi strategiche di riferimento, così come sono definite a livello nazionale e comunitario. Partendo dalle indicazioni presenti nella “Comunicazione della Commissione al Parlamento europeo” relativa al quadro strategico Ue 2014-2020 su salute e sicurezza sul lavoro, sono state intraprese dall’Inail diverse attività, come quelle atte a “migliorare la prevenzione delle malattie legate al lavoro affrontando i rischi attuali, nuovi ed emergenti”, a fronteggiare le “nuove tecnologie” (fra cui i “Lavori verdi”) e i loro potenziali effetti sulla salute dei lavoratori. Infine, il direttore centrale Prestazioni ha annunciato che è in via di definizione uno specifico accordo con Anev (Associazione nazionale energia del vento), con l’obiettivo di svolgere iniziative congiunte volte al miglioramento della sicurezza sul lavoro in questo specifico settore.

 

Il ruolo della normazione tecnica per la promozione della sicurezza.Di particolare interesse è stata la tavola rotonda incentrata su “Eolico & sicurezza: aspetti critici che impattano la realizzazione e gestione di un parco eolico”, nel corso della è stata affrontata una serie di tematiche rilevanti per lo specifico settore, sia di tipo legislativo normativo che di tipo tecnico gestionale. Maria Ilaria Barra, della Contarp centrale dell’Inail, ha sottolineato il ruolo della normazione tecnica volontaria nell’ambito della quale l’Inail si impegna attivamente, ormai in modo consolidato da diversi anni, sia in termini di governo che di partecipazione fattiva ai lavori delle commissioni tecniche. Barra ha illustrato, in particolare, alcune norme di recente emanazione che, seppur non specifiche per il solo settore eolico, focalizzano l’attenzione su rischi ubiquitari molto rilevanti nelle attività tipiche di gestione dei parchi eolici quali, per esempio, le norme Cei sulle verifiche degli impianti elettrici e sulla manutenzione delle cabine in media e bassa tensione.

Fonte: INAIL
avatar
  Subscribe  
Notificami