Analisi della Fase Due e delle FAQ del Governo

Simone Chiarelli • 4 Maggio 2020

analisi-fase-due-faq-governoNon sarà un “liberi tutti” ma i nuovi provvedimenti nazionali e regionali, introducono nuove regole che alleggeriranno gradualmente alcune restrizioni.


Analisi della Fase Due e delle FAQ del Governo. Le nuove regole intervengono sostanzialmente sull’apertura di alcune tipologie di attività produttive e commerciali e su alcune possibilità di spostamento.

Il Dpcm 26 aprile 2020 introduce, a partire da oggi, 4 maggio, diverse novità, tra le quali, per esempio, la possibilità delle visite ai propri congiunti che vivono nella stessa Regione. E la riapertura di parchi e giardini pubblici, nel rispetto delle prescrizioni sanitarie ed evitando comunque gli assembramenti.

I sindaci potranno decidere di chiudere nuovamente e in via temporanea i parchi, qualora il divieto di assembramento non potesse essere garantito).

Diventa obbligatorio l’uso della mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico (quali mezzi di trasporto pubblico ed esercizi commerciali).

A questo link potete scaricare tutte le FAQ e i Codici ATECO per le Attività dal 4 Maggio.

Per spiegare tutte le sfumature e tutte le implicazioni della fase due e delle FAQ del Governo urge anche questa volta una spiegazione più approfondita.

Analisi della Fase Due e delle FAQ del Governo

Come di consueto, anche questa volta il dottor Simone Chiarelli, dirigente di Pubblica Amministrazione Locale ed esperto in questioni giuridiche di diritto amministrativo nei settori degli appalti, SUAP, e disciplina generale degli Enti locali, ha messo a disposizione un video volto a fugare tutti i dubbi su questo nuovo testo.

Qui di seguito potete consultare integralmente questo video.

 

0 0 votes
Article Rating
Fonte: articolo della redazione, video di Simone Chiarelli
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Cristina Manfredi
Cristina Manfredi
5 Maggio 2020 1:19

Il problema è trovare l’ordinanza regionale e quella comunale e mettere tutto insieme. Il Veneto, per esempio, applica in modo restrittivo, ma non è facile tutto quello che si deve sapere