Decreto Reclutamento: arriva un tetto alle Progressioni Verticali

lentepubblica.it • 3 Settembre 2021

decreto-reclutamento-tetto-progressioni-verticaliIl Decreto Reclutamento apporta numerose novità per le assunzioni nel Pubblico Impiego: la riforma prevede l’introduzione di un tetto per le progressioni verticali. Scopriamo di cosa si tratta.


Ricordiamo che il nuovo decreto si pone all’interno del solco tracciato dal PNRR, ed è denominato “Misure urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni funzionale all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza“.

Le norme vanno dai contratti di apprendistato per la formazione dei giovani diplomati alle modalità per l’assunzione a tempo di tecnici e figure specializzate che andranno sia nelle strutture della governance nel piano sia a supporto degli enti locali.

Per maggiori informazioni cliccate qui.

Scopriamo invece in questo breve articolo cosa cambia in materia di progressioni verticali, nella fattispecie in riferimento all’introduzione di un tetto per le medesime.

Cosa cambia per le Progressioni Verticali?

In primo luogo sono previsti percorsi di crescita per il personale della Pubblica amministrazione nell’ambito dei quali sono valorizzate:

  • non soltanto le conoscenze tecniche
  • ma anche le competenze di carattere trasversale (manageriale, gestionale, ecc.) che il dipendente abbia maturato nel corso della propria attività lavorativa.

Ad esempio queste sono alcune specifiche per funzionari e dirigenti:

  • Funzionari. Viene istituita dalla contrattazione collettiva nazionale un’ulteriore area per l’inquadramento del personale di alta specializzazione, che si aggiunge alle tre oggi previste.
  • Dirigenti. Sono riattivati i concorsi per l’accesso alla dirigenza di prima fascia (l’alta dirigenza pubblica), previsione introdotta dalla riforma Brunetta del 2009 ma poi disapplicata. Il 50% dei posti sarà riservato agli esterni, il 50% agli interni. Per l’accesso alla dirigenza di seconda fascia, una quota del 70% dei posti a concorso sarà riservata agli esterni (fino ad almeno il 50% si attingerà dal corsoconcorso bandito dalla Scuola nazionale dell’amministrazione). Una quota del 30% sarà invece riservata agli interni, che verranno valutati prioritariamente in base ai risultati lavorativi conseguiti nella Pa.

Decreto Reclutamento: tetto alle Progressioni Verticali

Inoltre, come anticipato, la riforma prevede l’introduzione di un tetto per le progressioni verticali non rapportato alle assunzioni delle singole categorie, ma al totale di quelle programmate.

Pertanto si adotta il seguente schema:

  • le progressioni tra le aree, cosiddette verticali, possono essere attivate nel tetto massimo del 50% dei posti che l’ente programma di coprire, senza il calcolo di tale tetto all’interno delle singole aree o categorie;
  • per gli Enti Locali viene stabilito che ci si debba riferire alle qualifiche diverse.

Poi decade il vincolo concorsuale in favore di una procedura comparativa.

Ad esempio, mutano i criteri e gli elementi da tenere in considerazione nei bandi:

  1. valutazione positiva conseguita negli ultimi 3 anni di servizio
  2. assenza di procedimenti disciplinari
  3. possesso di titoli di studio e professionali aggiuntivi rispetto a quelli richiesti per l’accesso dall’esterno
  4. e riferimento agli incarichi che sono stati assegnati.

In fine si prevede una fase transitoria in cui i contratti dovranno dare corso a reinquadramenti del personale in servizio da almeno 5 anni.

 

5 1 vote
Article Rating
Fonte: articolo di redazione lentepubblica.it
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Lidia
Lidia
6 Settembre 2021 10:17

Come sempre, viene premiato il personale degli uffici più comodi, e penalizzato chi lavora negli uffici più disagiati, meno strutturati e stabili (lo sono innanzitutto i direttori, che a volte fuggono prima del previsto), dove si rimedia a vecchi problemi e pasticci di cui tutti hanno interesse a non parlare, spesso facendo miracoli in un clima di tensione e insoddisfazione sia dentro l’ufficio che degli utenti, comunque maltrattati in passato. Sarebbe ovvio premiarlo.

Patrizio
Patrizio
10 Settembre 2021 19:40

E chi da 6° livello categoria C ha ricoperto la responsabilità di capo area che possibilità ha di avere riconosciuto il 7° ? Occorre per forza essere laureato?