fbpx

Riforma PA: confermato accorpamento Guardia Forestale

lentepubblica.it • 24 Aprile 2015

corpo-forestale (1)Il Corpo dovrebbe essere assorbito dalla Polizia di Stato ma, come specificato dall’emendamento riformulato ieri dal relatore, i forestali continueranno a mantenere le loro funzioni diventando una polizia specializzata.

 

L’esame dell’Aula di Palazzo Madama conferma l’accorpamento della Guardia Forestale anche se sarà garantita l’«unitarietà delle funzioni attribuite» a questo corpo. E’ quanto prevede un emendamento riformulato ieri dal Relatore, Giorgio Pagliari, all’articolo 7 del disegno di legge delega di Riforma della Pubblica Amministrazione dopo una lunga discussione con i gruppi d’opposizione.

 

Significa che i forestali saranno comunque assorbiti (nel corpo della Polizia di Stato, si presume, anche se saranno i decreti legislativi a precisare gli esatti contorni della misura) ma sarà almeno salvaguardata l’unitarietà di un comparto che svolge una funzione specifica ed essenziale nel contrasto dei reati ambientali, nella lotta alle frodi alimentari, nella prevenzione del dissesto idrogeologico.

 

Profonda la contrarietà dei gruppi di opposizione che hanno tentato sino all’ultimo di stralciare la misura. “È paradossale che si va a toccare l’unica polizia specializzata in reati ambientali nel momento in cui si introducono nel codice penale; inoltre potrebbe segnare l’avvio anche della soppressione dei Corpi di Polizia Penitenziaria”, ha sostenuto la senatrice di Sel, Loredana de Petris.

 

E in difesa della Forestale è sceso in campo anche Silvio Berlusconi che ha detto: «Il riordino delle Forze di Polizia non può passare attraverso la soppressione del Corpo forestale dello Stato: disperdere un patrimonio di competenza così importante per la protezione dell’ambiente, dell’agricoltura e del territorio sarebbe un grave errore. È giusto eliminare le sovrapposizioni di competenze tra le varie forze dell’ordine, ma il progetto del governo procede in modo affrettato ad accorpamenti che non garantiranno maggiore efficienza ma, anzi, rischiano di generare confusione in un settore, quale quello della polizia ambientale e agroalimentare, importantissimo per la tutela della salute dei cittadini e del nostro made in Italy».

 

Il Governo comunque ha fatto quadrato intorno alla misura. Secondo il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina “La riforma della Pubblica amministrazione e la riorganizzazione delle Forze di Polizia – ha dichiarato in una nota – rappresentano una opportunità per valorizzare ancora meglio l’esperienza degli uomini e delle donne del Corpo forestale dello Stato che si impegnano ogni giorno su tutto il territorio nazionale e sono una risorsa di competenze di altissimo valore per l’Italia, a tutela del nostro patrimonio ambientale e agroalimentare e il dovere del Governo è oggi quello di potenziare queste esperienze, a garanzia innanzitutto delle risorse ambientali e agroalimentari della nazione con strumenti sempre più efficaci.

 

Nelle prossime settimane si renderà sempre più evidente che questo passaggio offre una opportunità rilevante nel segno del riconoscimento delle professionalità, del rinnovato presidio territoriale, dell’efficacia nell’azione a tutela del patrimonio naturale”.

 

Fonte: Pensioni Oggi (www.pensionioggi.it) - articolo di Bernardo Diaz
avatar
  Subscribe  
Notificami