lentepubblica

Direttiva UE sul Whistleblowing: in GU la delega al Governo per il recepimento in Italia

lentepubblica.it • 23 Settembre 2022

direttiva-ue-whistleblowing-delega-governo-italiaLa delega al Governo per il recepimento in Italia della Direttiva dell’UE sul Whistleblowing è stata pubblicata in GU: ecco tutte le novità.


È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale (GU Serie Generale n.199 del 26 agosto 2022) la legge n. 127 del 4 agosto denominata “Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti normativi dell’Unione europea – Legge di delegazione europea 2021”. Il provvedimento è in vigore dal 10 settembre 2022.

Rispetto all’attuale quadro normativo italiano in materia di segnalazione di illeciti, la Direttiva UE estende l’obbligo di avere un canale informatico a disposizione dei whistleblower a tutte le aziende con più di 50 dipendenti nel settore privato, e agli stati, alle amministrazioni regionali e agli enti locali con oltre 10 mila abitanti in quello pubblico.

Quale articolo della Legge di delegazione europea 2021 illustra il recepimento della direttiva UE sul whistleblowing?

L’attuazione della Direttiva europea sul whistleblowing è contenuta nell’articolo 13 della Legge 4 agosto 2022, n. 127, che illustra i “Principi e criteri direttivi per l’attuazione della direttiva (UE) 2019/1937, riguardante la protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione”.

L’articolo contiene dunque le misure di carattere generale che il Governo dovrà attuare per poter rendere effettivo il recepimento della Direttiva nell’ordinamento giuridico italiano, tra cui modificare, adattare e armonizzare la normativa vigente in materia di tutela degli autori di segnalazioni delle violazioni a quella europea, e irrobustire tutele e diritti delle persone segnalanti, con l’obiettivo di assicurare il massimo livello di protezione.

La Legge di delegazione europea 2021 reca disposizioni relative al recepimento di 14 direttive europee, tra cui la Direttiva (UE) 2019/1937 riguardante la tutela delle persone che denunciano illeciti e irregolarità disciplinati dal diritto dell’Unione Europea, conosciuta anche con il nome di Direttiva europea sul whistleblowing.

Quali sono i compiti spettanti al Governo per l’attuazione della Direttiva UE in Italia?

La legge di delegazione europea 2021, analogamente ad un provvedimento scaduto l’anno scorso, autorizza il Governo ad adottare le disposizioni della Direttiva UE sul whistleblowing. Nel concreto, Il decreto legislativo che recepirà la Direttiva dovrà necessariamente:

  • uniformare la disciplina del whistleblowing tra il settore pubblico e quello privato;
  • allargare la definizione di whistleblower anche ai soggetti al di fuori della tradizionale relazione lavorativa, come consulenti, membri dei consigli direttivi, ex dipendenti e candidati a posizioni lavorative, e fornire loro una maggiore protezione da comportamenti ritorsivi;
  • imporre l’obbligo di istituire canali di segnalazione interni a tutte le imprese con almeno 50 lavoratori, indipendentemente dalla natura delle loro attività:
  • rendere meno stringenti i presupposti del venir meno della tutela, in quanto la Direttiva europea mantiene le tutele anche per i whistleblower che “abbiano avuto fondati motivi di ritenere che le informazioni segnalate fossero vere al momento della segnalazione”.

Secondo quanto riferito da Giuseppe Busia, presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, il testo del decreto – al quale ha collaborato direttamente anche ANAC – dovrebbe essere sostanzialmente già pronto.

Il recepimento, già avvenuto in Paesi come Francia, Svezia e Portogallo, è dunque imminente anche in Italia, trattandosi di un obbligo europeo per il quale altrimenti si rischia una procedura di infrazione.

Sempre all’avanguardia nel rispetto della normativa UE e italiana: il software Segnalazione Illeciti – Legality Whistleblowing sicuro e conforme

Segnalazione-illeciti-whistleblowingLa piattaforma Segnalazione Illeciti – Legality Whistleblowing sviluppata da DigitalPA garantisce la piena conformità alla normativa italiana ed europea, ed una gestione ottimizzata ed efficiente delle segnalazioni.

Il sistema di whistleblowing, intuitivo sia per i responsabili che per chi segnala, permette di effettuare segnalazioni sia scritte che vocali, in linea con la Direttiva europea. La riservatezza dell’identità del segnalante è inoltre assicurata al 100% da avanzati sistemi di crittografia delle informazioni e degli allegati.

Gli accessi e i dati sensibili che transitano sull’applicativo vengono infine trattati nel pieno rispetto del GDPR e della normativa sulla privacy.

Non farti trovare impreparato alla nuova normativa UE: scegli anche tu il software di riferimento per il whistleblowing in Italia.

 

software-whistleblowing-segnalazione-illeciti-digitalpa2022

0 0 votes
Article Rating

Fonte: DigitalPA (www.digitalpa.it)
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments